Mafia: processo Borsellino quater, Corte assise in Camera consiglio

Buchi neri e Agenda rossa si avviano altre indagini su morte Borsellino

Mafia: processo Borsellino quater, Corte assise in Camera consiglio

10 anni, invece, per i "falsi pentiti" Francesco Andriotta e Calogero Pulci che erano stati accusati di calunnia; estinto per prescrizione il reato di calunnia contestato a Vincenzo Scarantino (in questo caso i giudici della Corte d'assise di Caltanissetta hanno riconosciuto l'attenuante di essere stato indotto a rendere false accuse, ndr).

Madonia, capomafia palermitano della cosca di San Lorenzo, sarebbe stato tra i mandanti dell'attentato. E trasmissione degli atti in procura per accertare chi lo abbia spinto in questa direzione e a rendere quelle dichiarazioni che hanno deviato i primi tre processi.

Chi aveva l'interesse di depistare le indagini? Prescritto, invece, Vincenzo Scarantino. "La sentenza - commenta l'avvocato Giuseppe Scozzola, difensore di parte civile di Gaetano Scotto - conferma con la concessione dell'attenuante a Vincenzo Scarantino, e cioe' che e' stato indotto nel suo falso pentimento, quanto i difensori non solo in questo processo ma essenzialmente nei due precedenti, hanno sempre sostenuto e cioe' che Scarantino non solo raccontava fatti non vissuti, ma che in cio' era stato indotto. Non so se ci sarà un altro processo, ma ci sono temi che devono essere ulteriormente sviluppati e l'esito del processo offre spunti per altri approfondimenti".

Unilever reports rising sales and boosts dividend
Commenting on the first quarter trading update, Mr Polman said: "The first quarter shows growth once more ahead of our markets". Distiller Pernod Ricard SA in March lifted the cost of some spirits and wines in the United Kingdom .


"La sentenza di oggi restituisce dignità alla giustizia sulla strage di Via D'Amelio. Questa sentenza è stata la vittoria delle persone oneste che sono riuscite a fare la differenza".

"Dopo tanti anni finalmente abbiamo la sentenza del Borsellino bis". Per il Pg ci sono "ancora aspetti da approfondire, non mi stupisce che anche il Procuratore capo Bertone parli di indagini mai finite". "Gli uffici della Procura di Caltanissetta hanno lavorato sulle nuove dichiarazioni di Spatuzza e Tranchina per evitare che si commettessero gli stessi errori fatti in passato". Come rivela l'agenzia di stampa Ansa, a detta di Bertone ci sarebbero ancora numerosi "buchi neri" in merito alla strage di via D'Amelio che si consumò a Palermo il 19 luglio 1992.

Latest News