Operazione antimafia a Roma, blitz e arresto anche a Pescara

Mafia, 23 arresti e beni sequestrati per 280 milioni tra Roma, Napoli, Milano e Pescara

Estorsione, usura, riciclaggio: 23 arresti a Roma

L'operazione è scattata all'indomani della relazione annuale della Direzione Nazionale antimafia e antiterrorismo (Dna) presentata al Senato dalla presidente della stessa commissione Rosy Bindi.

Decine le perquisizioni e un decreto di sequestro di beni emesso dal Tribunale di Roma-Sezione Misure di prevenzione, su richiesta della Procura della Repubblica-Dda di Roma che i Carabinieri e i Finanzieri stanno eseguendo con il sequestro di esercizi commerciali (bar, ristoranti, pizzerie e sale slot), immobili, rapporti finanziari/bancari, auto e moto, societa', quote societarie. Il segno della potenza dei gruppi, legati alla Camorra degli scissionisti e alla Sacra corona unita pugliese, è chiuso nella cifra del sequestro preventivo disposto dalla Dda di Roma contestualmente alle ordinanze di custodia cautelare. In particolare avrebbe reinvestito diversi milioni di euro di provenienza illecita attraverso un progetto immobiliare di realizzazione di circa 200 appartamenti nel comune di Guidonia vicino Roma.

Ancora afa: tra domani e domenica ondata di calore in 10 città
Le temperature sono infatti destinate ad aumentare ancora e sarà nella prossima settimana che avremo le giornate peggiori. La crisi idrica tocca da vicino circa 16 milioni di persone residenti nelle regioni e nelle province più a rischio.


La maxi-operazione scaturisce da un'indagine dei carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma, denominata "Babylonia", su due sodalizi criminali "in vertiginosa crescita" sul territorio capitolino, con base a Roma e Monterotondo. Secondo le prime indiscrezioni, sarebbero stati sequestrati beni per un totale di 280 milioni di euro.

Due operazioni hanno smantellato due associazioni a delinquere radicate nella Capitale e in altre regioni italiane: legami con clan camorristi ed elementi della mala pugliese.

Latest News