Moto GP, Rossi trionfa ad Assen. Petrucci e Marquez sul podio

Dopo il circuito di Barcellona, che ha visto trionfare Andrea Dovizioso, torna il Motomondiale, che stavolta fa tappa in Olanda, sul circuito di Assen.

Valentino Rossi ha vinto ad Assen il Gran Premio d'Olanda di MotoGp. Dovizioso è arrivato quarto a 5.327, poi J.Milelr, Abraham, L.Baz, Iannone e A.Espargaro.

Police officer beaten to death in Indian-controlled Kashmir
The officer had reportedly been taking photos of people leaving the mosque and had injured several people who wanted him to stop. After the incident, police and paramilitary forces cordoned off the gates to the Jama Masjid mosque, Greater Kashmir reports.


E' qui che comincia la rimonta di Petrucci, prima terzo, poi secondo superando Marquez e mettendosi agli scarichi di Rossi, che a 10 dall fine mantiene un secondo sul centauro ternano. Il pilota della Ducati lamenta la mancata bandiera blu negli ultimi due giri che gli hanno fatto perdere tempo nel doppiaggio su Barbera e Rins, che gli hanno negato di poter fare l'ultimo attacco a Rossi. Partirà, infatti. Domani al primo posto in griglia Johann Zarco, su una Yamaha clienti, due volte campione mondiale in Moto2. Intanto, altri tre giri, e Viñales è caduto, rischiando di coinvolgere anche Dovizioso. La bagarre davanti si fa sempre più accesa, con Petrucci che addirittura sorpassa Marc Marquez e Rossi che inizia a prendere il largo. Per questo motivo, Rossi ha impiegato qualche giro a trovare il giusto feeling, favorendo il recupero di Petrucci e Dovizioso. Al quinto posto c'è Pedrosa con 87 punti, al sesto Zarco con 77 punti, al nono Lorenzo, con 60 punti.

Il numero 46 della Yamaha ha solo 7 punti da Andrea Dovizioso, leader del Mondiale seguito da Maverick Vinales a 4 lunghezze. Se invece fai il ragioniere come professione - con tanta stima per la categoria - va bene. "E' bello, ora vediamo al Sachsenring perchè le cose cambiano ogni domenica", ha proseguito. Comunque ringrazio Zarco! Questa tuta era nuova e doveva durare almeno fino al Gran Premio di MotoGp d'Austria. Se non riescono a pulirla gli manderò la fattura a casa! Perché battere Danilo Petrucci, secondo, è stato davvero difficile. E pure l'anno abbondante passato inseguendo un gusto da primo del gruppo che non arrivava più. Che Valentino qui fosse forte si era capito, lo raccontava la sua storia di nove centri. Quelli per cui gli avversari di dieci se non quindici anni più giovani, si trovano ancora costretti a farci i conti, a sentirselo addosso con quella sua ingombrante quintalata di carisma. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

Latest News