Elezioni comunali: Renzi incontra i suoi e analizza la sconfitta

20170624_134509_F679DEA5

Elezioni comunali: Renzi incontra i suoi e analizza la sconfitta

Un bel record per un segretario di partito, non c'è che dire! Si è fatta ironia sul tweet di Renzi che descrive il centrosinistra in vantaggio dopo i ballottaggi. Il secondo è che chi è a capo di un partito non è mai responsabile del fallimento alle urne.

Sono queste le quattro ferite del centrosinistra (o, di converso, le quattro medaglie del centrodestra) uscite dai ballottaggi. "Il fenomeno segnala una certa difficoltà del Pd e dei suoi alleati nell'affrontare la sfida del ballottaggio". Adesso tutto questo ragionamento appare nella sua inconsistenza e illusorietà, mentre dal punto di vista dei processi reali le cose hanno preso un indirizzo ben diverso. Mancano comunque le regole del gioco con cui stabilire, prima di tutto, come si devono presentare i giocatori.

Certo è che, è l'input di Renzi, bisogna cambiare registro e smetterla di parlare di coalizioni e alleanze.

C'è una avversione verso il governo, manifestata anche durante il referendum del 4 dicembre e quindi le opposizioni fanno blocco pigliando l'occasione elettorale che si presenta per eleggere un rappresentante antigovernativo.

Confederations Cup: Portugal ease into semis, Mexico dump out Russian Federation
To compound Russia's misery, Yuri Zhirkov was sent off after receiving a second yellow card on 68 minutes. But the goal sparked Mexico into life and they were level just five minutes later.


E al Nazareno ci si prepara a un vero e proprio assedio di chi, dalla minoranza interna, agli "scissionisti" di Mdp, fino alla sinistra di Pisapia, spingerà sulle alleanze e un "nuovo centrosinistra" per mettere in discussione la leadership di Renzi. Il segretario ha invece dedicato un lungo post alla "Terrazza" di stasera, gli incontri del Pd al Nazareno, dedicata al bonus diciottenni, "un piccolo simbolo della nostra direzione di marcia".

"Il Pd isolato politicamente e socialmente perde quasi ovunque". Il centrodestra per contro raddoppia, passando da 16 a 32. E siccome il lupo perde il pelo ma non il vizio, l'operazione proprio a Roma, si è ripetuta con Marino, impallinato dallo stesso PD che lo aveva proposto e sostenuto, con il risultato di regalare la città ai dilettanti allo sbaraglio della Raggi. E in discussione c'è anche la leadership. Salvini ha sottolineato soprattutto il risultato di Genova "finalmente libera" e il fatto che "il centrodestra vince con la Lega primo partito". Se il lavoro di cucitura basato su queste semplici linee d'azione tipicamente "di sinistra" avrà buon esito allora sarà Renzi ad essere rottamato e saranno i rottami di cui si è liberato a rifondare una condizione in cui tutti siano partecipi e protagonisti. Ma anche rimontare è stato possibile in alcuni casi: come ha dimostrato Giordani a Padova, che - oltre ad essere stato più efficace di Bitonci nel rimobilitare i suoi stessi elettori - è stato in grado di attrarre un gran numero di voti, in modo trasversale, dai candidati rimasti esclusi al primo turno.

Se il risultato elettorale riaccende le tensioni interne al Pd, la sinistra ne approfitta per attaccare i Dem e Renzi.

I risultati che arrivano da Liguria ed Emilia Romagna bruciano ("Peggio del solito") ma Renzi para subito le - prevedibili - critiche: "Questi sono i dati veri". Dopo il Consiglio dei ministri che ieri ha dato il via libera al salvataggio delle banche venete, oggi il premier è intervenuto alla presentazione di Open Meter di Enel e nel pomeriggio, a Palazzo Chigi, ha incontrato il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi.

Latest News