Traffico di droga e armi tra l'Italia e la Germania: 20 fermati

20 fermati palermo germania indagini palermo Sicilia Cronaca

Traffico di droga e armi tra l'Italia e la Germania: 20 fermati

Sgominata una organizzazione transnazionale specializzata nel traffico di droga e di armi. Contestualmente, le Fiamme Gialle palermitane hanno arrestato in Sicilia e Calabria, tre persone fermate perché indiziate di delitto su ordine della Dda di Palermo.

Un sequestro preventivo d'urgenza "per sproporzione" dei beni immobili e delle disponibilità finanziarie reso necessario nel corso delle indagini che hanno smascherato il solido ponte Germania-Italia, ovvero la duplice base logistica dell'organizzazione. Si tratta di Benito Amodeo, di Giacomo Principato Trosso e di Felice Formisano. Le indagini sono partite dal sequestro di un'arma a Massimiliano Bellavia, fermato a giugno del 2016 al porto di Palermo con una Smith & Wesson. Grazie alla collaborazione tra autorità italiane e tedesche è stato possibile verificare l'attività di alcune persone nel campo degli stupefacenti e procedere a sequestri di droga, sia in Italia che in Germania. Tra le figure di spicco c'era quella di Amodeo Benito, corriere della droga fermato nel 2016 a Messina mentre trasportava cocaina e marijuana in Sicilia.

Roma, dagli scavi della metro emerge una "mini Pompei"
I materiali rinvenuti lasciano intravedere le particolari tecniche di costruzione degli edifici romani, svelando i metodi di fabbricazione del mobilio nella media età imperiale.


Un'organizzazione criminale con a capo un insospettabile ristoratore palermitano, da anni residente in Germania, Placido Anello, che operava con metodi mafiosi, intimidendo le vittime e imponendo ai commercianti l'installazione di slot machine, e trafficava in droga e armi. Un contributo notevole è stato dato dalla polizia criminale della regione tedesca del Baden Wurttemberg che ha partecipato a questa operazione denominata "Meltemi" condotta dal Gico di Palermo e dalla Kriminalpolizeidirektion di Rottweil.

Dalle rapine alle intimidazioni, fino al trasporto di una pistola che sarebbe arrivata in città dopo essere stata procurata proprio da Anello in Germania. "Un esempio - ha detto Lo Voi - di cooperazione investigativa che ci ha consentito di muoverci in costante contatto".

Latest News