Medici senza frontiere sospende le operazioni di soccorso al largo della Libia

Un salvataggio in mare di MSF

Un salvataggio in mare di MSF

L'organizzazione non governativa Medici senza frontiere (Msf) ha reso noto sabato 12 agosto la sua decisione di sospendere le operazioni di soccorso dei migranti al largo della Libia perché si sente minacciata dalla guardia costiera libica e le politiche del governo italiano hanno reso l'attività più difficile. A darne notizia è la stessa ong sottolineando come la sospensione segue la decisione della Libia di "limitare l'accesso delle Ong in acque internazionali", e ad un "rischio sicurezza dovuto a minacce della guardia costiera libica". Non solo: alla Libia chiede anche "di precisare che tutte le navi, gestite da ong o da chiunque altro, saranno autorizzate a effettuare le attività di soccorso senza impedimenti e restando incolumi, e che né le autorità libiche né quelle italiane interferiranno con il diritto legalmente garantito di sbarcare le persone in un porto sicuro".

A riferirlo il presidente dell'associazione, Loris De Filippi: "Stiamo sospendendo le nostre attività di salvataggio in mare a causa del comportamento minaccioso della guardia costiera libica, che riteniamo molto grave". Un'equipe medica Msf continuerà comunque a fornire supporto a bordo della nave Aquarius di 'Sos Mediterranee', un'altra Ong che però ha firmato il codice di condotta.

Segunda oportunidad: Brad Pitt y Angelina Jolie congelan divorcio
El amor de Brangelina , surgió 2004 durante el rodaje de la película de " El Sr. y la Sra. Ella quedó con la custodia de sus seis hijos , mientras él ha estado en rehabilitación.


L'ong si rivolge quindi alle autorità libiche, chiedendo loro "di confermare in tempi brevi che aderiranno e rispetteranno l'obbligo legale, internazionalmente riconosciuto, di soccorrere imbarcazioni in difficoltà, e che consentiranno che questo avvenga in acque internazionali e libiche". "Chi non anneghera' verra' intercettato e riportato in Libia, che sappiamo essere un luogo di assenza di legalita', detenzione arbitraria e violenza estrema". Nei giorni scorsi ha rifiutato di firmare il codice di condotta per le Ong stilato dal Viminale. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

Latest News