Jennifer Lawrence incanta il red carpet di Venezia 74

Jennifer Lawrence: L'attrice di Madre! incanta il Red Carpet del Festival di Venezia

Venezia 74, Jennifer Lawrence: “i miei fan non amano me ma i miei personaggi”

Per la cronaca da segnalare l'arrivo a Venezia anche di Michael Caine (per la presentazione diMy Generation di David Batty, documentario fuori concorso alla Mostra), che la butta in politica: "Sono a favore della Brexit - ha detto in conferenza stampa -". Jennifer Lawrence ha sfilato sul red carpet per la premiere del film.

Mentre la stampa della 74° Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia ancora parla del nuovo lavoro diretto da Darren Aronofsky dal titolo Madre! La vera pecca di Madre! non è tanto bella resa visiva, anche se ha diversi limiti, quanto una sceneggiatura metafisica e allegorica che scivola in una banalità e un macchiettismo inspiegabile da parte dei protagonisti.

Barcellona, Bartomeu avverte: "Per Iniesta contratto a tempo indeterminato"
Con Messi l'accordo per il rinnovo pare vicino, ora si parla di una conferma anche di Iniesta , accostato a tanti club esteri. Andres Iniesta alla Juventus: quello che poteva essere solo un sogno, potrebbe diventare realtà.


A subirne i contraccolpi è soprattutto la giovane moglie (Jennifer Lawrence) che si trova al centro prima di una lite con morto survoltata e farsesca, poi di un attacco in piena regola con derive mistico-cannibaliche ed eccessi militareschi. Lontanissimo dallo stile incalzante dei film processuali, Kore-eda torna ai temi che gli sono più cari - i legami tra adulti e giovani, le responsabilità dei padri, il riscatto dopo una vita di errori - e lascia alla fine lo spettatore senza risolvere i suoi dubbi, quasi volesse aggiornare la lezione kurosawiana di Rashomon. Parlando del film come della storia di un matrimonio al cui interno la donna non riesce più a contenere la pressione che prova, lo aveva descritto come "un drink che va gustato d'un fiato nel bicchiere giusto".

Ma anche il pubblico rischia lo shock, stordito da uno stile che da realistico vira prima sulla metafora poi sceglie il grandguignol, quando gli ammiratori del protagonista si rivelano più distruttivi delle termiti.

Latest News