Sta per cambiare l'uso dei buoni pasto

Buoni Pasto: regole nuove e vecchie. Tutto quello che bisogna sapere in vigore

BUONI PASTO: VIA LIBERA NEGLI AGRITURISMI

Le regole sono contenute in un decreto del ministero dello Sviluppo economico del giugno 2017, e in breve dicono che ora i buoni pasto sono cumulabili (fino a oggi, per legge, se ne poteva usare uno a pasto) e che li si potrà usare in ogni luogo in cui si possano comprare generi alimentari (fino a oggi erano validi solo in alcuni bar, ristoranti e supermercati). Volete sapere quali sono le novità?

Esistono due tipi di buoni pasto: quelli cartacei e quelli elettronici. I lavoratori che ricevono un ticket restaurant, non devono pagarci sopra l'Irpef.

Le indicazioni sono meno stringenti nel caso di buoni pasto digitali, se non altro perché le indicazioni sono associate elettronicamente in fase di memorizzazione sul relativo carnet.

È una novità molto interessante quella che si prospetta, per quel che riguarda i buoni pasto agriturismi, nelle prossime settimane: si parla infatti di una serie di novità che fanno riferimento all'uso - che da adesso sarà abbastanza diverso - dei buoni pasto all'interno degli agriturismi e che, proprio grazie alle nuove direttive, potranno essere utilizzati in blocco e non più solamente in piccola parte. Di più: come messo nero su bianco, i ticket possono essere impiegati per la vendita al dettaglio e la vendita per il consumo sul posto dei prodotti provenienti dai propri fondi effettuata dagli imprenditori agricoli.

La mamma di Alessandra tenta il suicidio. Ricoverata a Giugliano
Diversi i riferimenti al ballo, la sua passione principale e che era diventato anche un lavoro per lei. E' stata immediatamente soccorsa e portata all'ospedale di Giugiano dove si trova tutt'ora ricoverata.


Una trattazione di tutti i profili istituzionali del diritto del lavoro, che affronta in modo semplice e sistematico le tematiche rilevanti per lo studio della materia.Questa nuova edizione è aggiornata:• al D.Lgs.

"Ci auguriamo - ha proseguito il presidente Agriturist - che questa decisione possa essere un'opportunità in più per i consumatori per acquistare prodotti genuini direttamente dagli agricoltori e per degustare i piatti della tradizione con i capolavori dell'agricoltura".

I buoni pasto devono essere usati per tutto il loro valore.

Si può ovviamente continuare a integrare in contanti il valore del buono: cioè usare 3 euro e un buono da 7 euro per pagare un pranzo da 10 euro. Il buono pasto cartaceo va datato e firmato.

Latest News