Lazio a valanga sul Milan (4-1). Super Immobile

Ciclone Ciro si abbatte sul Milan Lazio trionfa 4-1

Lazio a valanga sul Milan (4-1). Super Immobile

RETI: Immobile 38′ (rig.), 42′, 48′; L.Alberto 50′; Montolivo 56′.

Dopo il nubifragio che ha colpito Roma, il match dell'Olimpico parte alle 16 come "ordinato" dal Prefetto Basilone.

Un leader carismatico, Inzaghi, capace di trascinare la sua squadra anche verso traguardi prestigiosi ed importanti, simile anche ad Antonio Conte per certi aspetti ma molto diversi sul piano comunicativo. Come accaduto in Supercoppa Italiana, le aquile crescono con il passare dei minuti.

48′ Ancora Immobile, servito da Parolo a centro dell'area non sbaglia, tripletta per lui, Milan annichilito. "È stata una bellissima partita e fare tre gol al Milan è un orgoglio: penso di aver raggiunto la maturità e per questo sono sereno", spiega Immobile nel post partita. Al 36' Luis Alberto penetra in area, Kessie lo insegue e lo stende, l'arbitro Rocchi senza esitare indica subito il dischetto e assegna il penalty alla Lazio che Immobile trasforma con una botta sulla sinistra, Donnarumma intuisce, ma non riesce ad intercettare la sfera. A segno sempre Immobile che gira in rete un bel cross di Lulic. L'intervallo non cambia le cose ed è la Lazio che scatta meglio piazzando un micidiale uno-due con Immobile e Luis Alberto volando sul 4-0. "Se giocheremo come oggi, da squadra e da gruppo compatto, potremo toglierci delle soddisfazioni". Peccato quel rosso, doppio giallo, il secondo non meritato, che impedirà a Parolo di giocare nel prossimo turno. Calhanoglu e Kalinic che Montella manda in campo per disperazione, ottengono quanto meno lo scopo di dare una scossa e arriva il gol di Montolivo, sugli sviluppi di una punizione di Çalhanoglu e sul filo del fuori gioco ma tenuto in gioco da Bastos, in mischia. Battezza il rigore in gol, troppo preciso e potente per Donnarumma che non può nulla.

Serie A, Inter e Roma presentano le terze maglie. Che sono identiche
La terza maglia esordirà il 16 settembre nella sfida che vedrà l'Inter di fronte al Crotone di Davide Nicola. Dello stesso colore anche il numero e il nome dei calciatori realizzati con con puntini blu su base gialla.


DE VRIJ 7 - Solita certezza, un paio di sbavature nel finale, ma l'olandese è uno dei pilastri della squadra.

C'è il mercato, faraonico, quello del Milan. Cattivo, grintoso e concentrato è un'arma in più per Inzaghi. Non lo ricordano tutti, forse, ma noi abbiamo già giocato a tre dietro con altri interpreti in Europa League. Il Milan non va oltre il pressing dei primi quindici minuti, ci prova con un giro palla senza sbocchi e prende quattro goal da una squadra concreta.

LUKAKU 6.5 - Entra al 65', qualche spunto dei suoi e soprattutto tiene in apprensione la fascia destra avversaria. È un top player.

Luis Alberto - Tanta qualità. Un primo anno con più ombre che luci lo avevano messo nel dimenticatoio.

Latest News