L'Onu approva nuove sanzioni alla Nord Corea. Ok di Cina e Russia

Pyongyang minaccia ancora gli Usa

Se è la Corea dl Nord a cercare la pace…

Il governo di Pyonyang, infatti, per voce del suo ministero degli Esteri e attraverso l'agenzia di stampa nazionale nordcoreana (KCNA) ha dichiarato che se gli Stati Uniti continueranno ad insistere nella richiesta di nuove e pesanti sanzioni, sperimenteranno presto "i più grandi dolori e le peggiori sofferenze" e saranno costretti a pagare "il prezzo necessario". La risoluzione adottata dai 15 Paesi membri mette al bando il tessile di Pyongyang e limita le forniture di petrolio e gas al regime di Kim Jong-un, per togliere linfa vitale al suo programma nucleare. Si pone tuttavia un'eccezione consentendo la "fornitura, il trasferimento o la vendita a Pyongyang di tutti i derivati del petrolio", solo per garantire alla popolazione la fornitura energetica per le attività quotidiane. Questo però "a condizione che siano impiegati esclusivamente per il sostentamento della popolazione e che non generino profitti da investire nei programmi nucleari o balistici". Inoltre si decide che tutti gli Stati membri vietino a loro cittadini o entita' di agevolare o effettuare trasferimenti da una nave all'altra di qualsiasi merce od oggetto che vengono forniti, venduti o trasferiti da o per la Nord Corea.

Per avere il sostegno anche della Russia e della Cina, la proposta di risoluzione Usa è stata leggermente annacquata.

Durante il Consiglio di sicurezza dell'Onu che si terrà oggi, gli Stati Uniti hanno espresso la volontà di mettere ai voti una serie di sanzioni più aspre nei confronti della Corea del Nord, sanzioni che prevedono tra l'altro l'embargo petrolifero e il congelamento degli asset del leader Kim Jong-un.

Livorno sott'acqua. Potenziate anche in mare le ricerche dei due dispersi
Il procuratore Ettore Squillace Greco ha annunciato l'apertura di un fascicolo, per il momento senza indagati. Proseguono intanto le ricerche dell'uomo che abitava in via D'Alò, anche questa vicino allo stesso torrente.


La nuova risoluzione prevede "il divieto totale all'export tessile, che vale quasi 800 milioni di dollari l'anno e rappresenta il settore maggiore della sua economia - ha aggiunto -".

Il sindaco, intervenuto a margine della firma di un accordo con la regione Lombardia, ha poi ricordato come l'obiettivo comune debba essere la "pace e la denuclearizzazione dell'intera penisola coreana", rassicurando infine sulla sicurezza dei giochi Olimpici invernali del 2018 (che si terranno a Pyeongchang, nel nord del Paese). Il tutto in seguito al test nucleare nordcoreano del 3 settembre scorso, il più potente dei sei fatti finora da Pyongyang.

Latest News