Catalogna, Madrid ordina il sequestro delle urne del referendum sull'indipendenza

Stop della Corte Costituzionale spagnola al cammino della Catalogna verso l'indipendenza. Il corteo ha manifestato anche a favore del referendum di autodeterminazione, in programma il prossimo primo ottobre, per la separazione dal governo di Madrid. Domenica in piazza a Barcellona sono scese oltre 1 milione di persone per la manifestazione indipendentista organizzata in occasione della festa nazionale catalana della Diada e in appoggio al referendum del 1° ottobre Nel 2014, così come sta accadendo oggi, la consultazione popolare si fece, ma non ebbe alcun valore giuridico, poiché dichiarata illegittima dal Tribunale costituzionale.

"Anche quest'anno - spiega Cecchetti - ho voluto portare la mia solidarietà ai cittadini catalani che si apprestano a votare un referendum storico, purtroppo in un clima di scontro totale con lo stato centrale spagnolo".

Gonzalo Higuain: "Se giochi bene e non vinci non serve a nulla"
Alla Juventus voglio vincere tutto, la mentalità che c'è qui è questa e te la inculcano dal primo giorno in cui arrivi. "Ho guardato i suoi gol 2 milioni di volte, per me è il migliore di sempre con ampio margine".


Entrambe le leggi erano state approvate dal parlamento catalano mercoledì.

Una misura che lo stesso Rajoy - che ha definito il referendum "un chiaro e intollerabile atto di disobbedienza alle nostre istituzioni democratiche" - non avrebbe voluto applicare perché facilmente percepibile come un'aggressione all'autonomia del territorio catalano. Nonostante la distanza di vedute che sussiste con Madrid, l'insistenza di parte del Parlamento catalano nel proporre l'indipendenza della Regione ha portato alcuni analisti del Barcelona Center for International Affairs a tracciare un quadro sulle possibilità future di una Catalogna separata dalla Spagna. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

Latest News