Parcheggi rosa solo per italiane etero

Pontida parcheggi rosa solo per donne etero

Pontida, la capitale della Lega Nord, ei parcheggi che discriminano donne extracomunitarie e lesbiche

Stanno emergendo estremismi che non possono essere banalizzati. Sono cose che fanno rabbrividire e purtroppo sono cose vere - ha scritto Martina su Facebook - Sembra che la storia non abbia insegnato nulla a certe persone e noi non possiamo sottovalutare tutto questo. "Se sei lesbica o extracomunitaria, quindi anche cittadina svizzera, per dire, sei una mamma di serie B", ha concluso Appendino. "Possibile che la Lega non sappia trovare un modo migliore per spendere i soldi dei contribuenti che non utilizzarli per difendere scelte discriminatorie e aberranti?".

Al centro della polemica, infatti, ci sono sempre i parcheggi ma quello che cambia è il colore: si tratta di quelli rosa e, soprattutto, delle implicazioni introdotte dal nuovo documento che li regolamenta. "Ma la valutazione - hanno aggiunto Civati e Maestri - non è solo politica". E poi: "La discriminazione dei parcheggi rosa è agghiacciante e va condannata con fermezza. Insieme ad Asgi, Associazione per gli Studi Giuridici sull'Immigrazione, e con la Cooperativa Ruah, un minuto dopo averlo letto on line, come Cgil abbiamo dato mandato a uno dei nostri legali di impugnare i contenuti del Regolamento davanti al Giudice Civile competente per le questioni di discriminazione" proseguono i due sindacalisti. Chiediamo al sindaco di scusarsi e di revocare immediatamente quel regolamento. "In caso contrario siamo a disposizione dei cittadini di Pontida discriminati per eventuali ricorsi visto e considerato che il regolamento adottato è palesemente illegittimo e incostituzionale".

X Factor 11: tutte le novità di quest'anno
Levante: "Sono rimasta stupita dalla verità di questo programma: io ho avuto carta bianca su tutto". Tutti si sono messi in posa per presentare X Factor 11 .


È bufera a Pontida (Bergamo) per il regolamento sui parcheggi destinati alle neomamme approvato dalla Giunta comunale. Il testo esclude in maniera inequivocabile mamme lesbiche e di paesi extra UE dal diritto di parcheggiare la propria auto in appositi spazi riservati, contrassegnati da strisce rosa. "Ai fini del presente regolamento - si legge nella delibera - per 'nucleo familiare naturale' si intende una famiglia composta dall'unione di un uomo ed una donna a fini procreativi".

Attenzione però (questo sì che risolleva gli animi della categoria) ci saranno delle deroghe per tutelare le ragazze madri e, solo in alcuni casi, per permettere il parcheggio anche a donne non residenti nel comune di Pontida, a patto sempre che siano italiane (o al massimo europee) e sposate (o conviventi) con un uomo italiano o europeo.

Latest News