Tim, la Consob inguaia Vivendi: "Esercita un controllo di fatto"

Tim, la Consob inguaia Vivendi: «Esercita un controllo di fatto»

Vivendi, Consob parla di un “controllo di fatto” di Tim

Tali conclusioni della Consob sono state raggiunte, si legge nella lettera inviata alle parti, tenendo conto di quanto rappresentato nella corrispondenza intercorsa tra Tim, il Collegio Sindacale e Vivendi con la stessa Commissione in merito alla vicenda in oggetto, nonché sulla base dell'esame degli eventi concernenti Tim fino ad oggi intervenuti. Con l'assemblea del 4 maggio, Vivendi "ha acquisito tale controllo di fatto in modo relativamente stabile".

Tim, a seguito della nota diramata dalla Consob, ha dichiarato di voler prendere le distanze "da una interpretazione in materia di controllo societario cui l'azienda, e ragionevolmente il mercato intero, si è sempre costantemente e rigorosamente attenuta". Il colosso francese, che detiene il 23,9% di Tim, si stava apprestando a notificare al governo italiano la sua "influenza" sull'ex monopolista telefonico, per evitare l'inasprimento del confronto con il Comitato che sta studiando l'applicabilità della golden power su alcune controllate dirette di Tim, a partire da Sparkle. Il Corriere evidenzia però che essendo Vivendi un gruppo transalpino la commissione guidata da Giuseppe Vegas deve rimettere ai colleghi dell'Amf di Parigi la valutazione su come procedere. Ma ora il verdetto della Consob potrebbe cambiare completamente la situazione. Un fardello economico molto pesante.

Ogm: Corte Ue, non si possono vietare senza l'evidenza di gravi rischi
In tali circostanze, i giudici nazionali sono competenti a valutare la legittimità di quelle misure. L'Italia è tra i 17 Stati membri che hanno scelto questa possibilità.


Sull'altro fronte, quello di Mediaset, il gruppo francese indicherà un "gestore" al quale conferire la quota eccedente il 9,9% (quindi quasi il 20% del Biscione) e l'Agcom "vigilerà sulla concreta attuazione dell'impegno a rimuovere la posizione vietata" entro il prossimo aprile, come ha fatto sapere l'Agcom al termine del Consiglio di ieri.

Latest News