AgCom: sanzioni per le bollette da 4 settimane delle compagnie telefoniche

Bolletta a 28 giorni come fare reclamo e chiedere il rimborso

Fatturazione a 28 giorni, la battaglia continua

L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM) è pronta a sanzionare gli operatori Vodafone, TIM, Wind Tre e Fastweb per aver mantenuto la tariffazione ogni 4/8 settimane nonostante la delibera dello scorso marzo; questa ordinava loro il ritorno alla tariffazione mensile "classica".

Va ricordato che attualmente L'AGCOM sta contentando la fatturazione ogni 28 giorni solamente per i contratti di telefonia Fissa o quelli convergenti Fisso + Mobile: sono al momento esclusi tutti i contratti di sola telefonia mobile.

Assotelecomunicazioni (Asstel), l'associazione di categoria dei grandi operatori, ha fatto immediatamente muro sostenendo che l'AGCOM non avrebbe l'autorità di disciplinare i rapporti contrattuali tra operatori e clienti.

In tema di trasparenza, però, gli operatori non vogliono sentire critiche: "gli operatori hanno collaborato e stanno collaborando pienamente con Agcom, attraverso l'adozione di molteplici misure, fra cui il cosiddetto "motore di calcolo", strumento per il confronto tariffario che nei prossimi mesi renderanno disponibile ai consumatori".

Cancella i messaggi. Presto anche su Whatsapp
L'informazione è stata rivelata da WABetaInfo attraverso un messaggio postato su Twitter. La feature sarebbe in fase di test sia per iOS sia per Android.


"Ai sensi dell'art. 70 comma 4 del Decreto legislativo 1° agosto 2003 n. 259 e delle Condizioni Generali di Contratto ti comunichiamo che, a causa delle mutate condizioni che hanno inciso sull'equilibrio economico delle offerte, a partire dal 27 maggio i servizi e le promozioni eventualmente attivi su base mensile si rinnoveranno ogni 4 settimane". La cosa si potrebbe anche sopportare se i prezzi delle offerte fossero calati, ma sono rimasti uguali o, in alcuni casi, sono addirittura aumentati - questo si è tradotto in piu' soldi che escono dalle tasche degli italiani.

I Consumatori ovviamente sono sul piede di guerra. Sempre l'Agcom ha inflitto per lo stesso motivo una maxi multa di 500 mila euro a Wind ma, a quanto pare, l'importo dell'ammenda non riesce a dissuadere i colossi del mercato dal porre in essere pratiche sleali.

La denuncia del passaggio arbitrario dal mese alle 4 settimane di fatturazione si era levata da più parti. Agcom aveva già da tempo criticato il meccanismo dei 28 giorni che avrebbe provocato "problemi in termini di trasparenza e comparabilità delle informazioni in merito ai prezzi vigenti, nonché di controllo dei consumi e della spesa, determinati anche dal venir meno di un parametro temporale certo e consolidato per la cadenza del rinnovo delle offerte e della fatturazione".

Roma - In un anno ci sono 12 mesi.

Latest News