Minniti chiude "Cantiere Calabria": "Lavoro e legalità devono essere la nostra ossessione"

L’assolo di Minniti è un inno alla Calabria

Minniti all'Unical: “Da qui si guarda l'Italia e l'Italia in questi giorni ha guardato la Calabria” (FOTO)

"Sono pure necessari in quest'ottica - ha proseguito il vicepresidente di Confagricoltura - politiche energetiche e per l'ambiente, creazione di filiere, accesso al credito e nuovi strumenti finanziari e assicurativi, sviluppo dell'innovazione ed una ricerca non cattedratica ma legata alle esigenze ed alle richieste delle aziende agricole ed agroalimentari locali". L'altra questione e' la legalita', che non e' il freno dello sviluppo, e' una precondizione dello sviluppo.

Inoltre aggiunge Minniti: "La Calabria e' una delle regioni piu' belle, in alcuni casi folgorante". Importantissima ed evidente si è rivelata l'attenzione di Ministri e dunque del Governo verso la nostra Regione, veramente tanti in pochi giorni. La Calabria ha una collocazione geopolitica fondamentale, quindi e' fondamentale parlare anche di una piccola politica estera della Calabria, utilizzando le universita' calabresi come risorse straordinarie di formazione e cultura. Nei prossimi quindici anni il punto cruciale sarà il rapporto tra l'Europa e L'Africa, e la Calabria è nel mezzo, il ponte naturale. "Queste iniziative - ha aggiunto - sono importanti, ma non basta che sia solo una iniziativa di successo, ma dovete e dobbiamo pensarla come una sfida democratica".

Essere di sinistra. "Vengo interrogato su cosa oggi è di sinistra, ecco penso che un progetto progressista sia quello che cancella l'emergenza e mette in campo una visione". Il progresso il cambiamento reale e' sempre stato dentro una visione. Che ovviamente è il primo sponsor di Nicola Gratteri in politica. Quello che con Falcone era un principio irrinunciabile, oggi è un obiettivo possibile e dobbiamo lavorare con impegno e passione, e su questo la Calabria si gioca una partita nazionale. Questa sfida deve vivere all'interno della comunita' calabrese, ma non con le chiacchiere, con i progetti. E poi, persino i tirapiedi di Minniti hanno "libertà" di sparare sul sangiovannese e sulla sua corte dei miracoli. Siamo in un mondo dove c'e' un gigantesco logoramento delle parole. Solo così vinceremo questa partita, conquistando cuore e cervello dei calabresi, che deve partire dal palazzo, ma non si vince nel palazzo, bensì per strada. Compito della politica è non parlare soltanto a singoli pezzi della società, perché rischia alla fine di rimanere imbrigliata dentro le divisioni della società.

È morto Eugenio Bersellini
Nel 1975 passa alla Sampdoria per poi far il salto all'Inter del presidente Ivanoe Fraizzoli . E sarà un cammino entusiasmante, fermato però, in semifinale dal Real Madrid di Santillana .


La conclusioni del governatore.

"La presenza odierna del ministro dell'Interno, Marco Minniti, avvalora il percorso intrapreso con grande sapienza e spirito riformista dal presidente della Regione, Mario Oliverio, che ha voluto condividere con i calabresi tutti l'inizio della fase due della legislatura regionale". "Una tre giorni - è detto in un comunicato dell'Ufficio stampa della Giunta - che ha mostrato nel concreto i risultati già raggiunti e che ha contato quale ultimo intervento quello del Ministro dell'Interno Marco Minniti".

Latest News