Ucciso in Messico un location manager mentre cercava luoghi per Narcos 4

Un uomo della produzione di “Narcos” è stato ucciso in Messico

Ucciso in Messico un location manager mentre cercava luoghi per Narcos 4

Un assistente di produzione della nota serie Netflix Narcos è stato ucciso in Messico mentre cercava location per la serie. L'ultima volta che è stato visto vivo era proprio alla ricerca di alcuni posti validi per il set della prossima stagione della fortunata serie di Netflix.

Si chiamava Carlos Muñoz Portal, aveva 37 anni e aveva lavorato a diversi film americani - fra cui Apocalypto e Spectre - e messicani.

Il corpo di Muñoz è stato ritrovato nel paese di San Bartolo Actopan, non lontano da Città del Messico e al confine con lo stato di Hidalgo, uno dei più pericolosi di tutto il Messico. A luglio sono stati riportati 182 casi di omicidio, una proporzione di 12,2 ogni 100mila abitanti. Un portavoce del procuratore generale del Messico ha confermato che al momento che non ci sono testimoni.

Il Dalai Lama in Sicilia, tra Taormina, Messina e Palermo
Al Dalai Lama saranno conferite le cittadinanze onorarie dei Comuni di Ventimiglia di Sicilia e Isola delle Femmine. Tantissimi i giornalisti e le troupe televisive che in queste ore stanno sbarcando a Palermo per seguire l'evento.


"Siamo a conoscenza della morte di Carlos Muñoz Portal, un rispettato location scout, e mandiamo le nostre condoglianze alla sua famiglia".

Netflix ha dichiarato che le circostanze della sua morte rimangono "ancora sconosciute".

Latest News