Roma, il Vaticano allontana i clochard per "decoro pubblico"

Roma, il Vaticano allontana i clochard per

Roma, il Vaticano allontana i clochard per "decoro pubblico"

Le zone sotto il colonnato del Bernini di San Pietro, i marciapiedi davanti la basilica vaticana, i propilei all'inizio di via della Conciliazione vengono liberati dai clochard, i senzatetto che scelgono quei luoghi per passare la notte.

La decisione si è resa necessaria perché l'area da qualche tempo l'area versa nel degrado e attuata dalla Genndarmeria Vaticana, anche se pare fossero presenti alcuni agenti della polizia italiana. "E' una questione di sicurezza e di buon senso", ha commentato Greg Burke, direttore della sala stampa vaticana. A quanto si apprende, il loro numero sarebbe cresciuto da quando Papa Francesco ha fatto costruire bagni e docce per loro sotto al Colonnato, oltre che un dormitorio. I clochard potranno continuare a dormire la notte sotto i porticati ma quello che viene chiesto loro è di lasciare le aree libere la mattina per poter permettere ai mezzi di operare la pulizia. Si era raggiunto il punto del non ritorno: l'episodio ha convinto anche l'autorità d'Oltretevere ad intervenire non per cacciare i senza fissa dimora dall'area, ma almeno per poter tenere la piazza più pulita e ordinata durante il giorno. Una situazione che la Santa Sede non poteva più tollerare, nonostante la grande apertura mostrata da Papa Francesco.

Londra non vuole più Uber
Nella capitale britannica Uber impiega circa 40 mila autisti che servono 3,5 milioni di clienti. La città gli aveva concesso una licenza di 5 anni, che scade appunto il 30 settembre .


"L'Elemosineria vaticana - fa sapere il Vaticano - continuerà ad occuparsi della loro accoglienza così come restano in funzione i bagni e le docce e tutti i servizi di assistenza operati finora come i pasti la sera". Negli ultimi mesi, tra l'altro, è stato scoperto che alcuni senza tetto sarebbero stati costretti a pagare una sorta di "pizzo" per l'accesso alle docce.

Latest News