Ferrari, a Singapore piove sul bagnato

F1 Twitter

F1, Ferrari - Raikkonen 4°, ma insoddisfatto: "Ci manca ancora qualcosa"

Come già scritto in un altro articolo Verstappen ha un atteggiamento intimidatorio verso i suoi rivali, non si limita a passarli ma spesso li stringe per buttarli fuori pista se questi accennano anche ad una minima resistenza, una sorta di resa dei conti da conducente stradale o da ragazzino che corre in kart per cui ogni manovra è una vendetta, è quanto accaduto a Monza ad esempio su una pista per niente tortuosa, attacca Massa ed ha la peggio (in genere se la cava...), torna in pista e danneggia la vettura di Grosjean colpevole di non avergli dato strada ed infine se la prende con Magnussen anch'esso colpevole di aver resistito al suo sorpasso, allarga la traiettoria e lo manda sul prato. Se Vettel non è scattato alla grande, nemmeno l'olandese è stato impeccabile, tant'è che Raikkonen l'aveva sopravanzato. È un vero peccato che sia finita così, ho fatto bene i primi 100 metri. "Incidente di gara? Vediamo cosa diranno i commissari, anche se non cambierà più nulla a questo punto". Questa la versione del pilota della Red Bull: "Volevo frenare ma non potevo spostarmi, sono stato vittima incolpevole". Dopo questo podio le classifiche per i ferraristi sono amarissime. Soprattutto perché sotto la pioggia all'inizio, ma poi anche in condizioni non troppo calde e con meno grip, la Mercedes è tornata principessa e ha accompagnato Lewis Hamilton al traguardo in prima posizione. Considerare, dunque, quanto avvenuto domenica come un incidente di gara ci trova d'accordo e, al contrario di quanto detto da "Jos the boss", non si tratta di una decisione politica favorevole al Cavallino Rampante ma di semplice evidenza dei fatti. "Le cose vanno così". Ho cercato di chiuderlo e sono stato colpito sul fianco.

Grande Fratello VIP, continua la "lotta" tra Cristiano e Jeremias
Giulia De Lellis e la gaffe sui figli delle coppie gaySecondo me i figli dei gay saranno per la maggior parte gay. Poi lui è andato sul trono, lei è scesa e lui l'ha scelta alla fine, è una cog.


Il pilota olandese non è del tutto innocente, nel senso che, nonostante il cuneo formatosi davanti a lui, Max non ha rinunciato a tenere giù il piede. In testa, partito in terza fila, Hamilton. Terzo Bottas a 23 punti dal tedesco. Raikkonen, che parte velocissimo dalla quarta posizione, affianca sulla sinistra Verstappen, che finisce a sandwich tra le due Ferrari. Non sarà facile metterci una pezza. Così Lewis Hamilton commenta la vittoria nel Gran Premio di Singapore di Formula 1. Situazione delicata e di difficile lettura che di solito in passato è stata neutralizzata partendo dietro alla Safety car. "Mi dispiace molto, molto, molto per i nostri tifosi, ma ci rifaremo", le parole del team principal della Ferrari, Maurizio Arrivabene.

Latest News