Las Vegas, spari sul concerto: due morti

Las Vegas. Un uomo bianco di 64 anni Stephen Paddock ha aperto il fuoco durante un concerto country. Almeno 58 i morti e 515 i feriti. La più grave sparatoria nella storia degli Usa. Isis rivendica

Las Vegas, la stanza del killer Stephen Paddock: fucili dappertutto VIDEO-FOTO

Per ora si esclude l'attacco terroristico.

La polizia ha precisato di non aver mai avuto a che fare in passato nè con l'assassino, nè con la compagna Marilou Danley con cui conviveva e di cui Stephen aveva usato alcuni documenti.

Ancora una volta un evento musicale finisce in un bagno di sangue: domenica notte si è consumata una strage a Las Vegas, dove due o più uomini hanno aperto il fuoco sulla folla durante un concerto di musica country nei pressi del celebre Mandalay Bay Casino.

La stanza d'hotel era piena zeppa di armi.

Non è stato semplice comprendere nell'immediatezza quanto stava accadendo in quanto la musica assordante copriva parzialmente gli spari. Da un primo bilancio di soli 2 morti e 24 feriti, giunto alle prime ore di questa mattina, ora sono stati confermati ben 20 morti e circa 100 feriti, molti dei quali sono gravi e ricoverati in ospedale per accertamenti e cure mediche. Il fratello, Eric, residente in Florida, ha rivelato che loro padre, deceduto da pochi anni, era stato un rapinatore di banche ed era finito nella lista dei 10 più ricercati dell'Fbi. Nata il 12 dicembre 1954, è considerata una "persona di interesse" e viveva con l'aggressore. La polizia sta cercando anche due auto, una Hyunday e una Chrysler Pacific, registrate a nome dell'autore della sparatoria.

Film italiani in tv: con il nuovo decreto aumentano le quote
Per la Rai , poi, l'obbligo è di due opere italiane a settimana (di cui una rigorosamente cinematografica). Il decreto prevede una gradualità, scandita su vari anni, per l'entrata a regime delle nuove quote .


"È stato al di là di ogni possibile immaginazione".

La sparatoria è stata la 273esima del 2017 avvenuta negli Stati Uniti secondo il Gun Violence Archive, un'organizzazione no-profit che raccoglie dati sugli incidenti causati dalle armi da fuoco nel paese nord americano. Nei video pubblicati online, la cui autenticità non può essere verificata, si sentono quelle che sembrano raffiche di mitra.

Nella stanza del killer e nella sua abitazione sono state ritrovate 42 armi, mentre in auto era custodito del nitrato di ammonio, un composto chimico utilizzato anche per produrre alcuni esplosivi.

Stephen risiedeva da giovedì al 32mo piano dell'hotel Mandalay Bay Resort and Casino: qui la polizia ha trovato almeno 10 fucili.

Latest News