Arrigo Sacchi: "Ecco perchè esiste la Var"

Sacchi

Sacchi: «Non parlo di una società che acquista 11 giocatori»

Arrigo Sacchi torna in cattedra. Una squadra merita il pareggio, lo ottiene con un errore arbitrale, e dovrebbe essere accettato. Ed invece non e' cosi'.

L'ex tecnico rossonero ha quindi parlato di Carlo Ancelotti, in settimana esonerato dal Bayern e già accostato al Milan: "Sono dispiaciuto prima di tutto per il Bayern, che si è dimostrato una società come le altre, mentre pensavo fosse diverso".

Avatar 2: anche Kate Winslet nei sequel della saga di James Cameron
Non si sa se Kate sarà un abitante autoctono del pianeta Pandora o se sarà umana, se sarà buona o se sarà la nuova cattiva che vuole distruggere il pianeta.


Sacchi è intervenuto a margine del Festival del Calcio, evento che racconta lo sport in tutte le sfaccettature, non solo come fenomeno agonistico/sociale, ma anche come immaginario collettivo, ideato e realizzato da AC IMMaginario e dalla Associazione Zic e che si tiene quest'anno dal 3 al 9 ottobre a Firenze. Poi un giudizio sul momento buio del Milan, con cui ha scritto pagine memorabili: "Tornerà grande quando i tifosi chiederanno con insistenza il bel gioco". Se giochi male e vinci, non devi essere contento. Ed è proprio sul punto che Sacchi non le manda a dire, anzi, ci fornisce una sua personalissima opinione. Capello, che non è un rivoluzionarlo, ha detto una cosa interessante, ovvero che abbiamo riscoperto il libero. Se vedo bene un suo ritorno al Milan? Sta compiendo un capolavoro. Appena il Napoli perderà due partite la stampa lo aggredirà, non rendendosi conto che il club di De Laurentiis incassa un quarto di altre società, non ha una grandissima storia e deve confrontarsi contro società che hanno vinto trenta volte di più. "Per lo scudetto dipenderà dai bianconeri".

Latest News