Ndrangheta : 7 fermi a Reggio Calabria

039;Ndrangheta

Volante dei carabinieri. Si intravede la gamba di uno

Sarebbe stato lui, secondo l'accusa, l'ideatore delle infiltrazioni mafiose nelle attivita' del termovalorizzatore di Gioia Tauro. I reati contestati sono associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione e intestazione fittizia di beni.

Le indagini hanno permesso di arrivare a sette membri della cosca Piromalli, affiliata all'Ndrangheta, che sono stati arrestati.

Operazione "Metauros": fermato l'avv. Nell'ambito dell'operazione e' stato anche eseguito il sequestro preventivo d'urgenza relativo alle quote azionarie di societa' operanti nel settore della depurazione e trattamento delle acque, trasporto e compostaggio di rifiuti speciali non pericolosi. I particolari dell'operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 11.00 presso la Procura della Repubblica di Reggio Calabria.

Esselunga richiama il taleggio Dop Carozzi: è a rischio Listeria
La sua capacità di persistere nell'ambiente lo rende in grado di sopravvivere in alimenti trasformati, conservati e refrigerati. Esselunga consiglia ai clienti di non consumare il prodoto qualora riporti il numero identificativo sopra citato.


Per la prima volta, l'inchiesta Metauros ha svelato il condizionamento della cosca Piramalli nella costruzione e nella gestione dell'unico termovalorizzatore presente in Calabria collocato nella località di Gioia Tauro. Un controllo attuato attraverso un consolidato sistema di sottoposizione ad attività estorsive delle società che nel tempo hanno gestito la struttura di trasformazione dei rifiuti.

Tra i fermati c'è anche Rocco La Valle, imprenditore nel settore dei trasporti su gomma ed ex sindaco di Villa San Giovanni.

Latest News