Gli Npl sono una mina vagante nelle banche

Gli Npl sono una mina vagante nelle banche

Gli Npl sono una mina vagante nelle banche

La prima riguarda i tempi, che sono un po' poi' troppo accelerati, e tali da non consentire alle banche interessate una gestione non traumatica del problema. Il rapporto delle banche con i "clienti", cittadini, famiglie, imprese, concessione dei crediti, è tema all'ordine del giorno delle cronache economiche e non solo. Ovviamente in questo caso saranno penalizzate le banche che hanno classificato peggio i crediti in bonis e dall'esterno e' difficile quantificarlo, ma viene facile pensare che siano quelle con i piu' bassi livelli di copertura e con i piu' alti livelli di Npe ratio lordo e che hanno sviluppato con piu' ritardo adeguati modelli di erogazione di nuovo credito (ma e' ormai qualche anno che tutti i gruppi sono molto piu' attenti)'. Le misure rappresentano un incentivo ad accelerare la vendita degli Npl e riducono l'interesse delle banche a prestare denaro senza garanzie. Ci sarà da considerare l'accantonamento integrale dei crediti deteriorati non garantiti in 2 anni e quelli garantiti in 7. Si tratta di norme con effetti "chiaramente pro-ciclici" in quanto i prestiti si ridurranno "quando il contesto macroeconomico si deteriora", verranno chieste "più garanzie" e verrà prestato meno "ai clienti in difficoltà". Il governo è stato avvertito dei rischi delle nuove norme sugli Npl.

Brusco scivolone per le banche a Piazza Affari, con il doppio effetto del contagio spagnolo e delle nuove regole sui crediti deteriorati della Bce. Nello specifico sono oggetto del documento tutte le nuove esposizioni il cui status verrà cambiato da performing a non performing a partire dal 1 gennaio 2018 "indipendentemente da come erano classificate in precedenza". Per realizzare questo obbiettivo è importante costruire le giuste alleanze capaci di aver attenzione alle specificità dei diversi paesi. In teoria è così, ma solo in teoria.

Terremoto oggi, INGV: piccola scossa a Alessandria del Carretto magnitudo 2.4 (Calabria)
Scossa di terremoto in provincia di Pisa , per la precisione in Alta Val di Cecina . In Calabria un terremoto è stato registrato nella provincia di Cosenza .


Il presidente dell'Abi (Associazione bancaria italiana) Patuelli, in un forum organizzato dall'Ansa, ha definito un macigno queste nuove regole imposte dalla Bce. E' quanto emerge dai verbali della riunione del 6-7 settembre, pubblicati oggi da Francoforte, nella quale i governatori hanno anche espresso preoccupazione per la forza dell'euro giungendo alla conclusione che questa richiede un monitoraggio. "Il provvedimento della Bce contiene una serie di previsioni e di automatismi che, se confermati, avrebbero un impatto di grande rilievo sui requisiti patrimoniali delle banche, imponendo loro nuovi e onerosi accantonamenti e anche sul mondo delle imprese con una ulteriore, ingiustificata, stretta nell'offerta di credito".

Latest News