Trump verso la disdetta dell'accordo nucleare con l'Iran

Una casa di Portorico distrutta dall’uragano Maria

Una casa di Portorico distrutta dall’uragano Maria

Il capo degli Stati Maggiori, generale Joseph Dunford ha invece spiegato, in una deposizione al Senato, che l'accordo ha ottenuto quel che cercava, e che bisogna lasciarlo intatto, mentre bisognerebbe invece aprire eventuali altri negoziati su altri problemi, appunto i missili.

Ma secondo il Washington Post, l'ex tycoon la sua scelta l'avrebbe già fatta e la prossima settimana potrebbe annunciare che non intende certificare il rispetto dell'accordo sul nucleare, sostenendo che non è nell'interesse degli Usa. "Lo scoprirete", ha risposto a questo punto il presidente, con un'affermazione che ha spinto ancora di piu' i media americani a fare supposizioni su possibili nuove mosse, sul fronte militare, del presidente Trump.

GF Vip, Jeremias Rodriguez contro Simona Izzo: "Depressa di m***a sotto psicofarmaci"
La sorella di Belen, dopo aver assistito al litigio tra Simona Izzo e Veronica Angeloni , non sa più di chi potersi fidare. Te che esempio dai? Una coppia che alla luce della novità che è appena volata sulla casa pare impossibile da formare.


Alludeva, forse, all' Iran e all' accordo sul nucleare? Mattis ha parlato delle novità davanti a due commissioni del Congresso, a cui ha confermato la rimozione di restrizioni "che non ci permettevano di usare pienamente la nostra potenza aerea". Lo rivela il Washington Post citando fonti della Casa Bianca che hanno citato fonti che hanno partecipato oggi ad un incontro urgente alla Casa Bianca per definire la strategia sull'Iran. Riferendosi, anche, ai test missilistici iraniani, non inclusi nell'intesa di Ginevra del luglio 2015, ma che Trump vuole che non proseguano. Concorde anche il Presidente francese Emmanuel Macron che si è detto pronto, però, ad apportare delle modifiche. L'imputato, descritto come un infiltrato nella squadra iraniana, era stato poi rilasciato su cauzione. Nel 2005, ad esempio, fu dato all'Agenzia internazionale per l'energia atomica, e al suo direttore Mohamed el Baradei, per esprimere dissenso sulla guerra in Iraq scatenata nel 2003 dall'Amministrazione Bush. Il Cremlino spera che la decisione del presidente sul futuro dell'accordo nucleare sarà "bilanciata e basata sulla realtà" come ha dichiarato il ministro degli esteri russo, Serghiei Lavrov. Trump alla fine ha accettato la linea morbida, ma in un'intervista al Wall Street Journal ha detto che "se dipendesse da me avrei già lasciato l'accordo 180 giorni fa" e ha chiesto al consigliere per la Sicurezza nazionale, H.R. McMaster, di studiare un'opzione alternativa in vista della scadenza successiva, il 15 ottobre.

Trump da fine settembre, all'Assemblea Generale Onu, aveva annunciato di aver preso una decisione su quello che aveva definito in campagna "il peggior accordo della storia", firmato e voluto con forza dal suo predecessore Barack Obama, rinviando all'appuntamento con il Congresso il chirimento sulla sua posizione.

Latest News