Arrestato in Brasile, l'ex terrorista rosso Cesare Battisti è già libero

Brasile arrestato l'ex terrorista Cesare Battisti stava scappando in Bolivia   
                       
                
         Oggi alle 20:02

Brasile arrestato l'ex terrorista Cesare Battisti stava scappando in Bolivia Oggi alle 20:02

Dopo tre giorni, Cesare Battisti è già libero. La decisione di una giudice di Brasilia, Adverci Rates Mendes de Abreu, di non rinnovare il visto a Battisti per la permanenza in Brasile, potrebbe portare all'espulsione. Lunardelli ha accolto la richiesta di habeas corpus avanzata dagli avvocati dell'ex terrorista, Igor Sant'Anna Tamasauskas e Otavio Mazieiro: Battisti ha lasciato nelle scorse ore il carcere di Corumbà e si è diretto a casa sua nel litorale dello stato di San Paolo. La polizia brasiliana sospetta che Cesare Battisti abbia tentato di fuggire in Bolivia per non correre il rischio della revisione dello status di rifugiato politico. Si tratta di una decisione provvisoria, sottolineano i media brasiliani, con l'ex terrorista che non potrà allontanarsi senza permesso della magistratura: un tentativo che sarebbe comunque impensabile dati pedinamenti e la sorveglianza a cui il malvivente è sottoposto.

"Cesare Battisti è stato scarcerato", questa è notizia battuta dalle agenzie di stampa nell'arco delle ultime ore. Ci sarebbero però delle condizioni per la realizzazione del piano: innanzitutto il Brasile attende dall'Italia la garanzia che per battisti non ci sarà un ergastolo; e in secondo luogo l'attuazione del piano del governo per l'estradizione dipende da se l'arresto verrà confermato anche dalla Corte suprema federale (Stf), alla quale la difesa di battisti ha presentato ricorso in appello. Per de Oliveira, dunque, la misura preventiva nei confronti dell'italiano è necessaria proprio per scongiurare il "pericolo di fuga". Tra gli ostacoli da superare - fa notare la stampa - ci sarebbe l'assenza di una dichiarazione formale da parte del governo italiano che si impegni a rispettare le regole su quella che i giuristi di Brasilia chiamano 'detrazione penalè.

Lecce, Liverani: "Il primato è un motivo per fare ancora meglio"
All' 83 sventagliata di Tsonev per Torromino che tira una bordata dalla destra ma Branduani si supera e devia in angolo. La squadra di Liverani ha infatti giocato in dieci gli ultimi 17' a causa dell'uscita di Drudi per problemi muscolari.


Secondo quanto scrive O Globo, infatti, la richiesta fatta dal governo brasiliano per il rilascio dell'ex terrorista, oggi diventato scrittore di libri e intellettuale molto noto, è quella che l'uomo sconti una pena pari a trent'anni che è il massimo comminabile dalle legge brasiliana, e non i due ergastoli a cui l'uomo era stato condannato nel 1991 (gli vennero contestati, tra gli altri reati, 4 omicidi, di cui due eseguiti personalmente). Corumbà, vicino al confine con la Bolivia, è il luogo in cui mercoledì l'ex membro dei Proletari armati per il comunismo (Pac) è stato fermato, con l'accusa di violazione delle norme sulle valute straniere e riciclaggio di denaro, mentre si ritiene che stesse provando a lasciare il Brasile. Chiediamo #giustizia": "così Matteo Renzi su twitter. Ora la strada per l'estradizione sembra davvero tracciata.

Latest News