Harvey Weinstein licenziato dalla Weinstein Company per molestie sessuali

Asia Nuccetelli rivela:

Asia Argento/ Violentata a 21 anni da Harvey Weinstein: "Ero terrorizzata, è stato un incubo"

Weinstein - sposato dal 2007 con la stilista Georgina Rose Chapman, e padre di due figli - e' stato nella sua lunga carriera di successo co-fondatore della Miramax nel 1979 - poi ceduta a Disney nel 1993 - con il fratello Bob e per cui hanno continuato a lavorare fino al 2005 quando crearono la 'Weinstein Company'.

"Sono consapevole che il modo con cui mi sono comportato con alcuni colleghi in passato ha causato molto dolore e chiedo scusa".

Lisa Bloom è diventata famosa per aver rappresentato donne in casi di molestie sessuali molto noti, come quelli che hanno coinvolto Bill Cosby e Bill O'Reilly.

Nessuna dichiarazione, per il momento, da parte dell'avvocato di Harvey Weinstein.

Nave centra un barcone: molte vittime
Una nave da guerra di nazionalità ancora da chiarire avrebbe speronato una barca con oltre 70 immigrati a bordo nelle acque tunisine .


La scorsa settimana il New York Times ha pubblicato un'inchiesta bomba in cui accusava il magnate del cinema, la cui società ha prodotto successi quali "Il discorso del re" e "Django Unchained", di molestare giovani donne che volevano una carriera cinematografica: secondo le accusatrici Weinstein chiedeva di farsi massaggiare, di guardarlo nudo e prometteva di dar loro una mano con la carriera in cambio di favori sessuali. Tra queste figurerebbe anche la stella Ashley Judd. La Bloom, che dopo aver reso noto il suo ruolo nel team di Weinstein ha ricevuto numerose critiche, con un tweet ha infatti annunciato: "Mi sono dimessa da consulente di Harvey Weinstein".

Dello stesso avviso non sono i suoi avvocati che si sono messi già sul piede di guerra per mettere a tacere queste voci e queste accuse tanto che, secondo il quotidiano, Weinstein avrebbe raggiunto un accordo con almeno otto donne molestate nel corso dei 30 anni e tra queste ci sarebbe anche una modella italiana molestata nel 2015. Dopo il tweet della Bloom, un altro membro della difesa del produttore americano ha lasciato la squadra: si tratta di Lanny Davis.

L'inchiesta del New York Times ha creato grande clamore e getta un'ombra su quello che era considerato uno dei produttori più geniali e attento ai problemi sociali.

Latest News