Violenza sui minori: record, in Italia 15 vittime al giorno

Giornata internazionale delle bambine e delle ragazze

Violenza sui minori: 2016 anno record

Le bambine sono l'83% delle vittime di violenze sessuali aggravate, l'82% dei minori entrati nel giro della produzione di materiale pornografico, il 78% delle vittime di corruzione di minorenne (bambine al di sotto dei 14 anni forzate ad assistere ad atti sessuali). Da baby spose a baby mamme il passo è breve: nel 2016 sono state registrate 21 milioni di gravidanze tra le ragazze tra i 15 e i 19 anni che vivono nei paesi in via di sviluppo. Degli omicidi volontari (più che raddoppiati in un anno, da 13 a 21 minori vittime), il 62% era una bambina o una adolescente. Sono i nuovi e allarmanti dati Interforze sui minori vittime di reato nel 2016 presentati oggi da Terre des Hommes con il presidente del Senato, Pietro Grasso. Cresciuto anche (+23%) il numero di vittime minori di abuso di mezzi di correzione o disciplina (266 nel 2016), ovvero di botte fino ad andare in ospedale e arrivare a denuncia. Si è registrato un calo rispetto al 2015 rispetto gli atti sessuali con minori di 14 anni (-11%) e detenzione di materiale pornografico (-12%), dove però le vittime sono ancora, in entrambi i casi quasi per l'80% bambine.

Il Dossier della Campagna Indifesa quest'anno punta i riflettori anche sul deprecabile fenomeno dei matrimoni precoci, che coinvolge ogni anno almeno 15 milioni di bambine e adolescenti.

I dati evidenziano tristemente come anche per quanto riguarda i reati su minori esista un forte squilibrio di genere: le vittime di violenza sono infatti in prevalenza bambine: nel 2016 erano in media il 58 percento, ma lo discrepanza aumenta in tutti i reati a sfondo sessuale. Considerato che le denunce sono purtroppo solo una piccola parte di una violenza che non lascia traccia se non nella mente e nel corpo dei più piccoli, è difficile dire se i numeri raccontano un Paese più consapevole e non più a disposto a restare in silenzio.

La Campagna Indifesa di Terre des Hommes, arrivata alla sua sesta edizione, ha come obiettivo quello di sensibilizzare istituzioni e opinione pubblica pubblico sulle gravi violazioni dei diritti delle bambine e delle ragazze che ogni giorno si verificano nel mondo e sull'importanza di assicurare loro protezione e sostegno. Ogni due secondi una bambina o ragazza con meno di 18 anni diventa una baby sposa. Ogni anno, circa 70mila ragazze muoiono a causa del parto e delle complicanze legate alla gravidanza.

Francavilla Marittima: sta tagliando legna, 16enne si recide gola con motosega
Sul corpo del giovane non è stata comunque disposto l'esame autoptico. Il giovane frequentava la scuola per geometri a Trebisacce . Una vera e propria tragedia, domestica e familiare.


Oltre al causare sofferenze alle vittime, questa pratica danneggia intere comunità.

Grasso: difendere dignità minori o distruggiamo futuro "Ogni bambina strappata alla violenza è una speranza di riscatto per tutti noi" ha detto il presidente Grasso perchè "le bambine di oggi saranno le donne di domani, e abbiamo il dovere di combattere tradizioni, pratiche e comportamenti che negano loro i diritti fondamentali come quello all'integrità fisica e psichica, alla salute, all'istruzione". In sei casi su dieci si tratta di bambine. "Colmare il gap tra i sessi e permettere a milioni di bambine di studiare meglio e più a lungo significa, in prospettiva, costruire un mondo più giusto e soprattutto più equo".

In occasione della Giornata Mondiale delle Bambine, che cade l'11 ottobre, Terre des Hommes lancia la #OrangeRevolution, per stimolare la diffusione di una cultura del rispetto e della prevenzione della violenza e della discriminazione di genere.

Latest News