Napoli, latitante arrestato grazie al biglietto per Napoli-Inter

Tradito dalla fede per il Napoli arrestato camorrista latitante

Napoli, latitante arrestato grazie al biglietto per Napoli-Inter

L'amore per la squadra del cuore lo ha tradito. Ritenuto un elemento di primo piano del clan Di Lauro, ritenuto il "controllore" della piazza di spaccio del rione dei Fiori a Secondigliano, il giovane era ricercato da mesi per un provvedimento definitivo di condanna, emesso dalla Corte di Appello di Napoli per associazione finalizzata al traffico di stupefacenti: deve espiare 6 anni e 7 mesi di reclusione.

Un latitante di 33 anni, appartenente al clan Di Lauro, è stato catturato a causa della sua passione per il calcio. L'operazione rientrava in una più vasta che vide le forze dell'ordine sgominare copiosi traffici di cocaina provenienti dalla Spagna. I carabinieri della sezione "Catturandi" del nucleo Investigativo partenopeo l'hanno localizzato e arrestato in un autolavaggio di Secondigliano dove era arrivato alla guida di un'anonima Fiat Punto, mentre si intratteneva a parlare con alcuni conoscenti. Stavolta, però, la prenotazione per il big match del San Paolo del 21 ottobre, tra gli azzurri e l'Inter, gli è costata la galera.

Diritti tv all'estero venduti per 360 milioni
Ci sono anche questioni politiche alle spalle: Infront cura anche gli interessi della FIGC che, di conseguenza, non andrà mai contro le scelte di Infront .


In una telefonata, intercettata dagli inquirenti, un amico stava effettuando la prenotazione: comunicato il suo nome, temporeggiava sul secondo (quello del latitante).

Latest News