Sanremo, la rIvoluzione di Baglioni: "Niente più eliminazioni, io solo un conducente"

Sanremo, Claudio Baglioni pronto a svelare le prime novità del Festival 2018

Sanremo 2018, partito il totonome: le 3 vallette favorite al fianco di Baglioni

Cominciano ad emergere i primi dettagli su quello che sarà il Festival di Sanremo 2018: Claudio Baglioni, direttore artistico della 68esima edizione del Festival, ha rivelato in un'intervista al Tg1 le novità relative al regolamento e ha parlato anche di quello che sarà il suo ruolo. In passato infatti la serata delle cover non comprendeva la ripetizione dei brani in gara se non attraverso un piccolo spazio in cui venivano riproposti i ritornelli delle canzoni. La 68ma edizione abolisce il brivido dell' esclusione. Non ci sarà, come in tutte le edizioni precedenti, quella pratica del dover mandare a casa qualcuno.

Claudio Baglioni cambia il Festival. Perciò ognuno degli ospiti invitati al festival potrà scegliere se cantare il brano presentato in competizione in coppia con un altro collega o addirittura in una esibizione che prevede una interpretazione a tre. Nessuno andrà via, nessuno dovrà fare le valigie. Sarà come un festival letterario o cinematografico ha sottolineato Claudio Baglioni.

Jeremias Rodriguez questa volta provoca le lacrime di Aida Yespica
E' una ragazza con una vita normale lontana dai riflettori a dire di Jeremias che apprezza il gesto. Lui si colpevolizza di non essere riuscito a reagire in quel momento.


Cambierà anche la serata nostalgia, che scatena karaoke casalinghi, sempre amata dal pubblico. La puntata delle cover sostituita da una serata dedicata ai duetti. Sarà sul palco, ma non sarà il vero conduttore. "Penso che in maniera coerente, chi lavora da tanto tempo a un progetto, a una canzone, e oggi come oggi è già un miracolo - aggiunge - abbia dignità e diritto di riproporre quel suo brano, questa volta con altri artisti, con musicisti o con altri cantanti, in forma di duetto, di trio, in forma di performance aggiuntiva". "Perché il Festival lo condurrò fino a quel punto, poi dipenderà un po' dalla squadra, ma sicuramente il mio lavoro è già tantissimo, perché significa fare e decidere molti degli aspetti del Festival: praticamente tutti, dalla scenografia, alla linea editoriale, ai contenuti, il significato generale di questo Festival, che vedrà la musica al centro, visto che hanno voluto - dopo ben tre no -un musicista e cantautore alla guida".

Intanto, arrivano le prime indiscrezioni sul nome della possibile co-conduttrice che affiancherà Baglioni.

Latest News