MotoGP Australia, la carica di Dovizio

MotoGP Dovizioso “Marquez favorito ma lotteremo come sempre”

MotoGP Australia 2017, prove libere 1: risultati e classifiche LIVE in diretta web da Phillip Island

Il suo gap dallo spagnolo è di 11 punti, ma con tre gare ancora da disputare è un vantaggio da definire minimo. Dai duelli con Dovizioso impari sempre: "in Austria ero al limite, sapevo che era difficile, ma ci ho provato lo stesso; a Motegi ho spinto tanto, lui era veloce e ho fatto quel piccolo errore alla fine, poi lui è uno che frena fortissimo e noi cercheremo di migliorare anche su questo punto".

LA VIGILIA DI JORGE LORENZO -"La gara di Motegi non è andata come ci aspettavamo, ma ora siamo già concentrati su Phillip Island". Nella MotoGP attuale le decisioni si prendono insieme e ci sono tante persone coinvolte, perché ci sono molti dettagli da prendere in considerazione.

Provare a battere Marquez non sarà facile. A Motegi mi son reso conto che Dovi era più forte di me, perciò ho tirato al massimo prima di arrivare all'ultima parte del circuito. Il meteo, però, spaventa il pilota della Honda: "Phillip Island è sicuramente un tracciato che mi piace più di Motegi, ma il clima è sempre un'incognita.".

Siamo al rush finale.

È morto il regista Umberto Lenzi, papà del genere "poliziottesco"
Dedicatosi dapprima al genere giallo creò addirittura un sottogenere, detto " giallo erotico italiano ". Se volete approfondire la sua storia procuratevi quanto prima 'Una vita per il cinema.


Dovizioso è salito sul podio a Phillip Island per tre volte nelle diverse categorie, ottenendo una vittoria in 125 nel 2004 e un terzo posto in MotoGP nel 2011, mentre lo scorso anno ha ingaggiato una bella battaglia con Viñales, chiudendo la sua gara con un buon quarto posto. "Ho un po' male ad una spalla, spero che non mi condizioni molto sulla moto" ha raccontato il "Dottore".

" Sembra che non abbia nulla di rotto e questo è ciò che conta". Io mi sento passato a un altro livello nel senso che vincere ti dà forza e fiducia e le vittorie fanno la differenza, ma è il Mugello che ha creato una situazione positiva all'interno del team e rivedendo Motegi sono rimasto molto contento livello che avevamo raggiunto in gara: in generale in questa stagione avevo bisogno di iniziare a utilizzare anche il cavallo nero dell'irrazionalità.

L'outsider potrebbe essere ancora Danilo Petrucci: "Bisogna capire che tempo farà, quanti turni svolgeremo sull'asciutto e quanto farà freddo". Tutti hanno avuto degli alti e bassi nel corso della stagione, ma è una questione di pacchetti e di pazienza nel trovare quello giusto ogni volta.

Latest News