Smog: situazione critica al nord. Torino la città più inquinata

ANCORA SMOG AL NORD SI SPERA NELLA PIOGGIA E NEL VENTO

ANCORA SMOG AL NORD SI SPERA NELLA PIOGGIA E NEL VENTO +CLICCA PER INGRANDIRE

Allerta inquinamento: eccolo il rovescio della medaglia di ques'autunno che sembra estate. Nei Comuni di Piacenza, Reggio Emilia, Modena, Carpi (Mo), Castelfranco Emilia (Mo), Formigine (Mo), Sassuolo (Mo), Ferrara e Cento (Fe) è previsto il blocco della circolazione per i veicoli diesel fino all'Euro 4 compreso (in aggiunta al blocco dei veicoli più inquinanti già operativo dal 1° ottobre); l'abbassamento del riscaldamento fino a un massimo di 19°C (+2 di tolleranza) nelle case, negli uffici, nei luoghi per la attività ricreative o di culto, nelle attività commerciali, nelle attività sportive, e fino a 17°C (+2 di tolleranza) nelle sedi di attività industriali e artigianali.

L'idea è anche di ridurre di un grado della temperatura nelle abitazioni, mossa non difficile - che ha visto l'appello incondizionato da parte dei sindaci a spegnere il riscaldamento - visto che con i 25 gradi del meteo se ne può tranquillamente fare a meno. Il mancato arrivo delle piogge ha fatto schizzare alle stelle le concentrazioni di polveri sottili, con effetti preoccupanti sulla Pianura Padana. Abbiamo bisogno che tutti i comuni di quella zona li facciano insieme, con la stessa determinazione, perché le polveri sottili non si fermano al confine di un comune. Sono questi i numeri (relativi al 2015) riferibili all'inquinamento che ci avvelena e che emergono dai risultati di un progetto pubblicati ora sulla rivista "Lancet". Ma la cifra raddoppia se si comprendono anche i veicoli immatricolati nel resto del Piemonte e che sarebbero nell'impossibilità di circolare nel capoluogo.

Smog: Torino, Pm10 fuorilegge da 8 giorni,sarà blocco Euro 5
Da sette giorni le polveri fini ( PM10 ) superano i limiti di legge in tutta l'area metropolitana torinese e in buona parte del Piemonte .


La situazione a Milano non è certo migliore, con il livelli di Pm10 oltre il limite consentito da troppi giorni. In attesa del "Piano per la qualità dell'aria della Regione", il Comune ha deciso di adottare le misure antismog dell'accordo di programma valido per la pianura padana confermando i divieti dell'inverno scorso e aggiungendo un terzo livello che prevede il blocco totale della circolazione dopo 20 sforamenti consecutivi.

"L'analisi delle concentrazioni di Pm10 nei capoluoghi di provincia del Veneto, condotta dagli esperti dell'Arpav nelle scorse settimane ha mostrato come, già al 16 ottobre 2017, il valore limite giornaliero sia stato superato per più di 35 giorni in tutti i capoluoghi del Veneto a eccezione di Belluno e Verona (35 superamenti da inizio anno)".

Latest News