Florenzi: "Pronto a morire sul campo per il Mondiale"

Florenzi Italy

Florenzi: "Pronto a morire sul campo per il Mondiale"

Infine, una battuta sull'assenza di Ibrahimovic: "La Svezia senza di lui fa meno paura perché parliamo di uno dei migliori al mondo, ma hanno tanti calciatori bravi davanti". Sappiamo come giocano, sono una squadra fisica, corta e si muovono insieme.

"Sensazioni positive che mi mancavano, è un piacere e un grande orgoglio ritornare in Nazionale in questo spareggio difficile". Non sarà facile ma abbiamo un grande gruppo e su quello sono basate molte delle nostre vittorie.

Sul momento straordinario della Roma. Conterà il carattere e l'impegno che metteremo contro la Svezia. Non vorranno farlo rimpiangere, ma noi abbiamo la difesa più forte del mondo, non abbiamo paura di nessuno.

Si avvicina il delicatissimo playoff Italia-Svezia valevole per l'accesso ai Mondiali di Russia 2018 e Alessandro Florenzi ha suonato la carica nell'incontro con i media: "Sono orgoglioso di essere tornato in Nazionale - dopo i due infortuni al crociato della scorsa stagione - non possono mancare fame e cattiveria anche perché non abbiamo alternative". E' una gara troppo importante, fondamentale. Dobbiamo sfruttare le nostre qualità.

"Ci pensavo a dire la verità ma pensavo prima a tornare bene e questo per fortuna è successo".

Trump ottimista sulla crisi nordcoreana: "Alla fine tutto si aggiusterà"
E, in questo senso, ha lodato il ruolo della Cina nell'affrontare la questione nordcoreana, a suo dire, "molto, molto utile". La visita di Trump mette in evidenza quanto anche in Corea del Sud la sua presenza sia divisiva.


Sono circa 13 mesi che non tornavi a Coverciano.

"Siamo un gruppo affiatato e con un obiettivo comune".

Quanto di buono ha fatto vedere con la Roma ha logicamente contribuito: “I miei compagni hanno contribuito molto al mio recupero.

Quali sono le qualità della Svezia? Non ho giocato il Mondiale del 2014, ma ora voglio morire sul campo pur di giocare quello del 2018; ognuno di noi sogna di giocarne uno nella propria vita. "Dobbiamo andare al Mondiale". Non sarà facile, non ci sono dubbi: "ma non penso ad un Mondiale senza gli azzurri.". "Il mister fa le scelte che ritiene più opportuni, sono carico e in forma, a disposizione dell'allenatore".

Ha trovato un Italia in difficoltà? Daniele lo supera in fatto di presenze, ma tutti sanno cos'è De Rossi, anche fuori dal campo per la persona che è. Ha semplicemente scritto la storia del calcio.

Latest News