Mps, torna in utile per 242 milioni: cda dimissionario

Mps, torna in utile per 242 milioni: cda dimissionario

Mps, torna in utile per 242 milioni: cda dimissionario

Lo comunica una nota della banca.

I componenti del consiglio di amministrazione e del collegio sindacale di MPS hanno rassegnato le dimissioni, a seguito del completamento della procedura di ricapitalizzazione precauzionale, che ha portato "una significativa discontinuità" negli assetti proprietari della banca, con l'assunzione da parte del Ministero dell'Economia e delle Finanze di una partecipazione di controllo nel capitale sociale della banca e l'ingresso di nuovi soggetti nell'azionariato.

Nei primi nove mesi del 2017 Monte dei Paschi di Siena ha realizzato ricavi complessivi pari a 3,223 miliardi di euro, con un calo del 5,7% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Sia, la cantante senza veli: bruciato lo scoop dei paparazzi
Subito sotto la foto di lei di schiena e completamente nuda , su una terrazza dove - sembra - stesse prendendo il sole. Sia è sempre stata molto attenta a difendere la propria privacy, ma anche parecchio libera nelle sue scelte.


Considerando gli effetti netti della PPA per circa 20 milioni di euro, la perdita consolidata del gruppo relativa ai primi nove mesi del 2017 è paro a 3 miliardi di euro, a fronte di una perdita di 849 milioni di euro conseguita nello stesso periodo del 2016. Al 30 settembre 2017 i crediti verso la clientela del Gruppo si sono attestati a 91 mld di euro, in riduzione di 15,7 mld di euro rispetto a fine dicembre 2016.

Quanto alla gestione, la banca che ha perso una dozzina di miliardi negli ultimi anni ha rivisto l'utile netto nel terzo trimestre, per 242 milioni di euro, anche se tale risultato risente di molti fattori una tantum tra i quali "l'impatto positivo del burden sharing per 554 milioni e quello negativo di 280 milioni per i costi di ristrutturazione legati all'uscita di 1.200 dipendenti", oltre all'impatto negativo per gli oneri dello schema volontario per salvare le tre casse di Cesena, San Miniato e Rimini (-46 milioni). L'esposizione dei crediti deteriorati lordi del Gruppo al 30 settembre 2017 e' risultata pari a circa 45 mld di euro, in flessione rispetto a fine dicembre 2016 di circa 800 milioni di euro. In calo anche il margine operativo lordo: al 30 settembre risulta pari a 1,3 miliardi (contro 1,4 miliardi dell'anno prima). Da segnalare che nei 9 mesi Monte dei Paschi ha contabilizzato rettifiche nette di valore per deterioramento crediti, attività finanziarie e altre operazioni per circa 4,9 miliardi di euro, superiori di 2,884 miliardi di euro rispetto a quelle registrate nello stesso periodo dell'anno precedente.

Latest News