Presentato calendario 2018 carabinieri

Presentato il Calendario storico 2018 dell'Arma dei Carabinieri

Presentato calendario 2018 carabinieri

Il calendario sarà acquistabile solo fra qualche tempo nei circoli militari.

Dodici artisti per dodici mesi, ciascuno proveniente da una delle aree del mondo dove l'Arma dei carabinieri è intervenuta o dove ha avviato collaborazioni con le forze locali.

Vediamo i temi per mese: a Gennaio, la fusione con la natura del congolese Steve Banadoma, evoca l'impegno per l'ambiente; nel mese di Febbraio, dedicato all'Europa dell'Est, il volto severo dipinto dal rumeno Adrian Ghenie interpreta il tema della sicurezza personale e sociale.

Sono alcuni dei temi del calendario dell'Arma dei Carabinieri 2018, presentato questa mattina al Comando provinciale di Avellino. Mark Bradford, scelto per rappresentare gli Usa all'ultima Biennale di Venezia, con un'esplosione di forme e colori dipinge la sua visione di integrità multiculturale, rappresentata anche dal Corazziere e dai due Carabinieri di origine straniera che completano il mese di aprile del Calendario Storico.

Caso Biglietti, Pecoraro ora convoca De Laurentiis
Al centro dell'inchiesta anche la vicenda dei biglietti omaggio su cui si allunga l'ombra inquietante della malavita organizzata. Sarebbero stati i giocatori a regalare ai tifosi i biglietti omaggio concessi dalla società.


Il Calendario, divenuto ormai un oggetto di culto, ha raggiunto già una tiratura di 1.300.000 copie, di cui quasi 11.000 in altre lingue (inglese, francese, spagnolo, tedesco, arabo e quest'anno anche giapponese, cinese e russo), indice sia dell'affetto di cui gode la Benemerita, sia del valore dei suoi contenuti, che ne fanno un prodotto editoriale apprezzato ed ambito.

La pubblicazione, molto interessante sotto tutti gli aspetti, ha una rilevanza particolare per la famiglia dell'Arma e costituisce motivo di coesione attorno a un oggetto semplice, ma significativo, ispirato ai valori nei quali si riconosce ogni Carabiniere. Il bambino senza volto dell'israeliano Gideon Rubin, espressione dell'arte contemporanea del Medio Oriente, trasmette con potenza l'importanza della tutela dei minori, rimarcata anche dal Carabiniere che sulla sinistra della pagina di ottobre si avvicina a un altro bambino. A novembre "l'ordinata convivenza civile" è tratteggiata nello scorcio urbano della pittrice indiana Reena Saini Kallat e nel militare all'ingresso di una stazione dei Carabinieri, il presidio di "legalità e prossimità" dell'Arma.

Mese dopo mese, viene richiamato un tema dal valore universale, espressione dei diritti e delle libertà che l'Arma è impegnata a sostenere nel mondo insieme alle rappresentanze diplomatiche e, nelle missioni internazionali, alle altre forze armate.

Il Comandante provinciale dell'Arma dei Carabinieri di Terni, il Col. David Rossi, ha presentato nella serata di oggi il calendario storico dei Carabinieri 2017/18 e l'agenda dell'Arma. Sport inteso come espressione dei valori universalmente riconosciuti: rispetto di persone e regole, disciplina, impegno, sacrificio, lealtà, tenacia, correttezza, emulazione, valori che devono essere patrimonio di ogni Carabiniere. "Un'agenda che riprende quella rossa di Borsellino, un valore storico e simbolico della lotta alla criminalità".

Latest News