In Italia per avere due vite "separate", bimbe siamesi operate con successo

Il vice sindaco di Roma Luigi Nieri visita l'Ospedale Pediatrico Bambino Ges

Roma, gemelle siamesi separate: le bimbe stanno bene dopo l'intervento

Le bambine, Rayenne e Djihene, erano attaccate dall'addome e dal torace.

All'ospedale pediatrico di Roma Bambin Gesù è stato effettuato un intervento davvero speciale, sono state separate due gemelli siamesi di sette mesi, di nazionalità algerina unite per l'addome e il torace.

Nel corso dell'intervento, durato oltre 10 ore, i 40 medici che si sono alternati in sala operatoria hanno diviso le costole e il fegato delle due bimbe, oltre a ricostruire lo sterno (prima inesistente) e il diaframma.

Renzi: "Il Premier lo sceglie il capo dello Stato. Le alleanze…"
In chiusura si torna a parlare di avversari, e di Silvio Berlusconi in attesa di una sentenza che lo "rimetta in partita". Che, sfida al duello televisivo, si è prendetato nonostante la batosta incassata alle elezioni regionali in Sicilia .


Quello delle due gemelline Rayenne e Djihene è uno dei pochissimi casi di separazione di siamesi effettuati in Italia ed è stato guidato da Alessandro Inserra, direttore del Dipartimento Chirurgico. Per preparare l'intervento sono stati realizzati modelli e stampe degli organi in 3D, al fine di pianificare l'intervento e studiare gli organi e la rete vascolare delle gemelline.

La preparazione all'intervento di separazione è durata quasi un anno (le gemelle sono nate il 10 maggio 2016) per consentire all'organismo delle gemelle di sostenere un'operazione chirurgica così complessa e aggressiva. "Ringraziamo di cuore Papa Francesco per la grande opportunità che ci ha dato per le nostre bambine", ha detto in apertura della conferenza stampa presso il Bambino Gesù.

L'ospedale ha anche annunciato che un'altra coppia di gemelle siamesi, unite per la zona sacrale, già ricoverate nel reparto di Neonatologia, verrà separata nelle prossime settimane. Il percorso clinico e chirurgico delle piccole pazienti algerine e burundesi rientra nell'ambito delle missioni umanitarie promosse dall'ospedale pediatrico della Santa Sede. Sul tavolo operatorio si sono avvicendate ben 5 equipe chirurgiche a cui era stata assegnata una precisa fase dell'intervento.

Latest News