In pensione a 67 anni, la partita resta aperta

In pensione a 67 anni, la partita resta aperta

Pensioni, 15 le categorie esentate da "quota 67"

Alle 11 categorie di lavoratori che svolgono lavori gravosi previsti dall'Ape sociale - hanno riferito i sindacati - verrebbero aggiunti i lavoratori marittimi, i pescatori, gli operai agricoli e quelli siderurgici (di seconda fusione).

Sono 15, nella proposta formulata dal governo ai sindacati, nel tavolo tecnico da poco terminato a palazzo Chigi, le categorie di lavoratori esentati dall'innalzamento automatico dell'età pensionabile in relazione alle aspettative di vita.

Dovrebbero essere 15 le categorie escluse dall'innalzamento dell'età della pensione a 67 anni, che dovrebbe scattare dal 2019.

Mercoledì pomeriggio è peraltro prevista una riunione unitaria tra Cgil, Cisl e Uil, per fare una valutazione comune, in vista dei nuovi incontri, che punterebbe a definire una controproposta sindacale da mettere sul tavolo con il governo.

Emilia Romagna e Lombardia, via al tavolo con il governo sull'autonomia aggiuntiva
Questa possibilita' e' stabilita dalla Costituzione, inoltre, se c'e' una Regione in grado di farlo e' proprio la Lombardia.


Tornando alle pensioni, il numero uno dell'Inps, Tito Boeri, da sempre contrario allo stop, lancia l'ipotesi di adeguamenti annuali dei requisiti, spiegano che comunque l'Inps entro giugno potrebbe fornire i dati sulla mortalità delle differenti categorie di lavoratori per differenziare la dinamica dell'età pensionabile. Ma a queste si aggiungono le categorie dei marittimi, dei lavoratori siderurgici, degli operai agricoli e dei pescatori. Si tratta di una platea di 15-20 mila persone, pari a circa il 10% dei pensionamenti stimati per il 2019. Ma le novità potrebbero non finire qui, dato che i sindacati ritengono insufficiente il provvedimento, quindi le categorie escluse dall'aumento potrebbe essere di più. Ieri il Governo ha anche proposto la costituzione di una Commissione tecnica per studiare la possibilita' di realizzare nuove stime sull'aspettativa di vita legate alle mansioni svolte.

Per il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan il meccanismo che lega l'aspettativa di vita all'età pensionabile "deve rimanere" e "può essere migliorato in modo marginale", i pilastri fondamentali del sistema non si possono toccare: "Ritengo e ribadisco che i pilastri fondamentali del sistema pensionistico non si possono e non si devono toccare" perché danneggerebbe "non solo il sistema pensionistico ma anche quello finanziario del paese, è un rischio e non cambio opinione" anche se è possibile immaginare una platea più amplia dei lavori gravosi. "È importante non tornare indietro", insiste il vicedirettore generale della Banca d'Italia, Luigi Federico Signorini. Se venissero inclusi nelle categorie esentate potrebbero continuare ad andare in pensione a 62 anni.

Questo articolo ha ricevuto commenti!

"È una misura di contrasto alla povertà, specifica per le persone anziane, che si troverebbero a dover aspettare un anno in più nel 2018 e ancora di più dal 2019 - sottolineano - È una stortura che chiediamo di correggere nella legge di bilancio, con un emendamento che fissa l'età di accesso a 65 anni".

Latest News