Regionali, "voti comprati a 25 euro". Indagato neo deputato Tamajo

Edmondo Tamajo, neodeputato della regione Sicilia, è accusato di aver comprato voti in campagna elettorale

“Voti comprati a 25 euro l'uno”. Altro scandalo su neo eletto in Sicilia

Dopo l'arresto dell'esponente di Udc Messina Cateno De Luca per evasione fiscale, assolto ieri nel processo in cui era accusato di concussione e abuso d'ufficio, spunta ora il caso Tamajo, che non lascia del tutto basiti.

È un'indagine che "preoccupa molto, perché il vizio della corruzione del voto di scambio, l'uso improprio del consenso, sembra attraversare in modo bipartisan le forze politiche". "Anche perché in quella terra le politiche clientelari sono sicuramente un vettore per la mafia". "Questo cambiamento si impone, serve un senso maggiore di responsabilità da parte di tutti".

E subito l'indagato si difende su Facebook: "Carissimi Amici, apprendo con stupore l'avvio dell'inchiesta giudiziaria nei miei confronti".

Posso affermare, senza timore di smentita, di non aver mai comprato un solo consenso, ma di aver costruito la mia carriera politica sull'attività quotidiana a favore della gente e della collettività.

Calciomercato Napoli, contatti per Rui Patricio per il dopo-Reina
L'unico dubbio è dato dalle sue condizioni fisiche, dato che comunque è reduce da un brutto infortunio. Oltre ai giovani, si guarda anche verso un "usato sicuro".


Ho dato la mia totale disponibilità, nei confronti dell'autorità giudiziaria, per chiarire questa incresciosa vicenda che sono sicuro, grazie al lavoro dei miei avvocati, riuscirò prestissimo a dimostrare che si tratta di un infondato castello di accuse! Tra l'altro, nel centrosinistra, c'è il forte sospetto che Tamajo abbia dirottato buona parte dei suoi voti sul candidato sindaco del centrodestra, Nello Musumeci, risultato poi vincitore.

Una storia particolare quella di Tamajo.

Edmondo 'Edy' Tamajo, neo eletto deputato regionale siciliano, nel mirino dei magistrati. Ne prese 2.727, da candidato al consiglio comunale, nel 2007.

Un'altra vicenda, quindi, che alimenta quel vortice di polemiche che dall'inizio della campagna elettorale non smette di far discutere, ovvero la polemica sui cosiddetti "impresentabili". Un gruppo "para-renziano", appunto, così in sintonia con Renzi da spingere anche lo stesso Tamajo, elegantissimo in blu, ad applaudirlo dai piedi del palco del teatro Politeama, nei giorni del referendum costituzionale.

Latest News