Italia-Svezia: curiosità sulla Nazionale e come seguire la partita (anche in streaming)

Italia-Svezia: formazioni, cronaca e risultato in tempo reale

Come vedere Italia-Svezia in diretta tv e in streaming

Già nel 1997 gli azzurri si erano trovati a dover affrontare uno spareggio per staccare il biglietto verso il mondiale francese dell'anno successivo, ma il clima di fiducia che aleggiava su quella nazionale - peraltro poi rimpinguato dall'ottimo 1-1 in Russia - era ben diverso dal cupo pessimismo che gravita attorno alla selezione di Giampiero Ventura. Alle 20.45 l'arbitro spagnolo Antonio Mateu Lahoz fischierà l'inizio, andiamo a scoprire le probabili formazioni. Questa è una partita da dentro o fuori per gli azzurri: devono vincere con due goal di scarto per eliminare la Svezia e qualificarsi ai Mondiali 2018 in Russia, ma dopo la sconfitta beffarda di Stoccolma quello di stasera è un match da prendere con le pinze. I 60 milioni di commissari tecnici sparpagliati sul suolo italico, mai come in questa circostanza, si sono trovati d'accordo sulla sconcertante decisione di presentarsi in Svezia senza Lorenzo Insigne, il nostro calciatore più talentuoso, penalizzato da una scelta tattica suicida. A Milano, stadio San Siro, si sfidano Italia-Svezia. Lo schema sarà il 4-4-2 con Olsen tra i pali, pacchetto difensivo formato da Lustig e Augustinsson sulle fasce mentre i centrali saranno Granqvist e Lindelof.

Italia-Svezia: dentro San Siro (vuoto), alla vigilia della Grande Sfida
Speriamo sia di buon auspicio alla squadra, che dovrà ribaltare il risultato per strappare il pass-Mondiale. San Siro ci deve prendere per mano e e noi dobbiamo prendere per mano San Siro con una grande prestazione".


ITALIA (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Darmian, Florenzi, Jorginho, Parolo, Candreva; Gabbiadini, Immobile. In porta, ovviamente, spazio a Buffon che rischia di chiudere la carriera senza la ciliegina del record del sesto Mondiale: "C'è la possibilità di ribaltare il risultato e noi lavoriamo e culliamo il sogno di ottenere questo obiettivo, sapendo che è un momento molto importante per la storia della nazionale". "La nostra forza è il collettivo, ciò che pensano gli italiani mi interessa relativamente", ha tagliato corto il ct svedese, annunciando che dovrà fare a meno dell'infortunato Ekdal. Ora siamo alla fine. Una mossa a sorpresa quella di Ventura che ha deciso di lanciare Gabbiadini, alla prima da titolare con la maglia azzurra, in un match alquanto delicato. A San Siro non ci sarà più nessuna scusante per gli azzurri, né il clima, né gli arbitri, né le assenze: ci sarà solo un risultato da raggiungere ad ogni costo.

Latest News