Scappa con l'amante e viene "rapita" dai figli

MAMMA ADULTERA RAPITA DAI FIGLI/ E l'amante (africano) rimane appeso all'auto in fuga per Riccione

Fuga d'amore della madre con il “toy-boy”. I figli la trovano e la rapiscono

I due ragazzi quindi sono stati arrestati per sequestro di persona. La signora infatti aveva abbandonato il tetto coniugale pur rimanendo intestataria delle aziende di famiglia.

I fatti si sono verificati sabato mattina a Miramare, dove a seguito di una telefonata fatta dal titolare dall'albergo in cui avevano soggiornato gli amanti, si erano recati i figli della donna per riportare a casa la madre, che in poco più di un anno di "fuitine", molte delle quali in Riviera romagnola, avrebbe dilapidato qualcosa come 200 mila euro, lasciandosi alle spalle anche conti da pagare in alcuni alberghi dove aveva trascorso soggiorno con l'amante.

Il 34enne keniota era ancora aggrappato alla portiera dell'automobile che tentava di fuggire. Gli investigatori ci mettono un po' a ricostruire la storia e i ruoli: la donna è la madre dei due ragazzi, di 16 e 23 anni, l'uomo appeso allo sportello è il suo nuovo compagno, mentre il tizio alla guida è il dipendente dell'azienda di famiglia.

Si devono essere trovati davanti ad una scena surreale, i Carabinieri di Riccione che hanno alla fine sbrogliato la matassa rappresentata da un caso veramente insolito. Ma il loro gesto - un reato vero e proprio - non era dettato da eccessi moralistici, bensì dalla ben più venale preoccupazione di perdere i beni di famiglia.

De Rossi: 'Mi sono tolto la maglia dell'Italia per l'ultima volta. Ventura...'
Io sarei voluto entrare ma pensavo che in quel momento sarebbe stato più opportuno mettere un Insigne o un El Shaarawy. Abbiamo l'abitudine di fare riscaldamento tre per volta con cambi ogni cinque minuti.


I carabinieri di Riccione hanno intercettato la donna mentre chiedeva aiuto a bordo dell'auto. Successivamente si è scoperto che a sequestrare la donna erano stati i due figli con l'aiuto di un dipendente dell'azienda di famiglia.

Quest'ultima volta, però, la donna ha commesso un errore da principiante. L'unico rimasto a casa, nel Varesotto è il marito della fuggiasca, un pregiudicato con tanto di sorveglianza speciale.

E il titolare di uno degli hotel, imbufalito per il mancato pagamento di 500 euro, ha contattato il familiari della donna.

La vicenda si è conclusa con l'arresto dei tre, che dovranno rispondere della pesante accusa di sequestro di persona.

Latest News