Niente Russia? L'Italia a giugno può giocare comunque il suo 'Mondiale'

Niente Russia? L'Italia a giugno può giocare comunque il suo 'Mondiale'

Niente Russia? L'Italia a giugno può giocare comunque il suo 'Mondiale'

Mondiali 2018 senza l'Italia.

Italia fuori dal Mondiale? Azzurri che a livello di ranking sono peraltro i migliori tra le formazioni europee escluse dal mondiale. L'idea arriva direttamente dagli Stati Uniti e ha trovato l'apprezzamento da parte dei tifosi, come riporta la stampa americana, la Federazione locale e la Soccer United Marketing, suo partner commerciale, stanno vagliando la possibilità.

La nazionale a stelle e strisce, evidentemente, è tra le big che salteranno l'appuntamento in Russia: non hanno la nostra storia, ma era dal 1990 che avevano sempre partecipato al Mondiale, spesso superando la fase a gironi. Lo dice chiaro e tondo la Fifa nell'articolo 7 del regolamento ufficiale.

Verso Napoli - Milan, Insigne non si fida dei rossoneri
Non finisce però qui, visto che per la 19esima giornata di campionato l'Inter affronterà in casa la Lazio di Simone Inzaghi. La Juventus nel giro di qualche settimana dovrà addirittura incontrare Napoli , in trasferta, e poi in casa Inter e Roma .


"Qualora un'associazione (delle 32 qualificate) si ritiri o sia esclusa dalla gara, il comitato organizzatore della FIFA deciderà sulla questione a propria discrezione e prenderà qualsiasi azione ritenuta necessaria".

Sul web circola l'ultima, disperata, ipotesi per vedere la Nazionale italiana ai Mondiali: il ripescaggio. Una nazionale che ha vinto più mondiali di tutti solo dopo il Brasile, sarebbe costretta ad entrare dal retro per giocarsi il torneo che avrebbe invece dovuto meritarsi sul campo a suon di vittorie. "In particolare, il comitato organizzatore della Fifa può decidere di sostituire l'associazione in questione con un'altra associazione". Ma, sinceramente, il fascino del Mondiale è difficilmente raggiungibile. Non abbiamo un fenomeno, non abbiamo un vero e proprio talento che ci possa trascinare, non ci sono grandi nomi in giro, fatichiamo tecnicamente e fisicamente: siamo usciti contro una modesta Svezia, non siamo riusciti a segnare in 180 minuti, a Stoccolma siamo stati troppo contratti e la spinta di San Siro non è bastata (mista a tanta sfortuna, occasioni sfumate e un calcio di rigore non concesso). C'è anche l'elenco dei paesi a rischio fra i qualificati: Corea del Sud, Nigeria, Iran, Arabia Saudita, Senegal o Egitto.

I precedenti, in tal senso, sono anche di buon auspicio: la Danimarca nel 1992 sostituì agli Europei la Jugoslavia, vincendo poi il titolo continentale.

Latest News