Italia, Malagò annuncia: "Tavecchio si dimette domani" 1962 19-11

Figc-Italia Malagò

Italia, Malagò annuncia: "Tavecchio si dimette domani" 1962 19-11

Intervenuto alla trasmissione di Rai 1, Che tempo che fa, il presidente del Coni Giovanni Malagò ha parlato della situazione della nazionale: "Penso, e mi auguro, che Tavecchio si presenterà dimissionario", ha detto senza mezzi termini. Abbiamo giocato la seconda partita in casa e quando vai fuori trascini tutto il movimento: ci sono problemi di diritti tv e di aziende che hanno investito. Ci fu l'accordo al 100%, Lippi chiese di interpellare gli allenatori disponibili: c'era il nome di Ventura, De Biasi, Montella, Spalletti. "Poi, quando Ventura era già stato messo sotto contratto, sfumò l'accordo con Lippi per fare il coordinatore tecnico di tutte le nazionali - continua Malagò -". Tavecchio (presidente della Figc, ndr) aveva pensato a Donadoni, ma era sotto contratto con il Bologna. Lo incontrammo e fu chiaro: 'Ci sto, ma non voglio fare allenatore ma voglio dare una mano al settore tecnico alla prima e giovanili'. Le regole erano diverse e il Coni poteva direttamente intervenire. Chiunque si rende conto che non è il presidente di una federazione che calcia in campo, qui però c'è una vicenda che trasferisce la responsabilità dall soggettività all'oggettività: "quando Conte decise di lasciare la Naizonale per andare al Chelsea, si pose il problema di chi potesse traghettare la Nazionale fino ai Mondiali". Anche nella finale di Champions contro il Bayern l'unico italiano era Materazzi. "L'Under 21 non vinciamo dal 2004, questa crisi ha origini lontane e se non prendi tempo e non riformiamo tutto il sistema non andiamo lontano". Non è che se noi leviamo Tavecchio e mettiamo un'altra persona, abbiamo risolto il problema.

Morte Riina, la Cei: "Non è ipotizzabile un funerale pubblico"
Si svolge questa mattina l'autopsia sul corpo di Totò Riina , il boss di Cosa Nostra morto ieri all'ospedale di Parma. Un giorno verrà il giudizio di Dio!" Le esequie non saranno pubbliche: "Si confonderebbero le coscienze".


"Non serviva uno scienziato per capire che nel girone c'era la Spagna e che una volta che vai nello spareggio è un terno al lotto - ha spiegato - Per non mancare di rispetto alla Svezia, non credo sia più forte della Svizzera o della Croazia". Poi sul nuovo ct della Nazionale, Malagò ammette: "Conosco molto bene Ancelotti e, per quello che lo conosco, non è disponibile a fare la stampella a nessuno".

Latest News