Malagò: "Tavecchio dimesso? Non ci voleva scienziato. Mercoledì Figc commissariata"

Malagò:

Malagò: "Tavecchio dimesso? Non ci voleva scienziato. Mercoledì Figc commissariata"

Meno di un'ora dopo la risposta via ANSA: "Carlo Tavecchio non si presenterà dimissionario al Consiglio federale della Figc".

Sa quando è stata l'ultima vittoria italiana? "Al momento non ci sono nuovi nomi, ma io non sono disponibile". "Carlo Tavecchio non si presenterà dimissionario al consiglio federale della FIGC in programma domani. - dichiara una fonte qualificata della Federcalcio - Il presidente sta ultimando le sue proposte per rispettare l'impegno preso con tutte le componenti nell'incontro di mercoledì scorso". Svela un retroscena sulla scelta del ct: Quando Conte decise di lasciare la Nazionale, si pose il problema di chi potesse guidarla fino al Mondiale.

Roma Lazio (2-1): highlights e gol della partita (Serie A 13^ giornata)
Rocchi concede il rigore dopo aver rivisto l'azione al VAR e Immobile non sbaglia, fissando il punteggio sul 2-1. Passano i minuti, la Roma tiene la palla provando ad abbassare i ritmi di una sfida a dir poco infuocata.


Marcello Lippi poteva tornare dopo la gloriosa avventura del 2006, ma poi l'accordo non fu raggiunto: "Aveva fatto trapelare il desiderio di tornare dalla Cina". Chiese una settimana di tempo per interpellare i tecnici disponibili, e cioè Ventura, De Biasi, Montella e Spalletti. Lippi ritorno' e disse che la scelta migliore era Ventura. Dieci giorni dopo mi chiamò e mi disse di non poter più mettere sotto contratto Lippi per una clausola del regolamento, a causa del figlio procuratore. E senza voler mancare di rispetto alla Svezia ci è andata anche piuttosto bene, potevano capitarci Croazia o Svizzera o, come sembrava ad un certo punto, anche il Portogallo [in realtà no: erano teste di serie come l'Italia].

Secondo Malagò la crisi del crisi del calcio italiano non è quindi maturata in un giorno: "Negli anni '90 quando c'era il vento in poppa e le nostre squadre hanno vinto tutto - continua il presidente del Coni -, chi si occupava di calcio si è preoccupato di dare l'ennesimo contratto a giocatori stranieri". Siamo andati fuori e quando vai fuori trascini il movimento nella situazione che stiamo vivendo.

Latest News