È morto il criminale statunitense Charles Manson

È morto il criminale statunitense Charles Manson

È morto il criminale statunitense Charles Manson

È morto a 83 anni Charles Manson uno dei serial killer più sanguinari, temuti e sadici della storia d'America.

Per la strage di Bel Air Manson e i suoi complici furono condannati a morte, poi quando nel 1972 la Corte Suprema sospese le esecuzioni in California, la sentenze capitali furono commutate in sette ergastoli, tante come le loro vittime.

Manson era stato ricoverato in un ospedale in California qualche giorno fa per l'aggravarsi delle sue condizioni di salute. La notte del 9 agosto 1969 quattro suoi seguaci, armati di pistole, un revolver e una corda di nylon lunga 13 metri, entrarono nella villa di Cielo Drive, un ricco quartiere di Los Angeles, e uccisero brutalmente Tate, che era incinta di otto mesi, e alcuni amici della coppia.

Jorginho: vi dico perché abbiamo vinto col Milan
Inutile nel finale il gol capolavoro di Alessio Romagnoli che spedisce ai titoli di coda una partita dalle mille emozioni. Sarri? Sinceramente oggi niente tirata d'orecchie, magari domani si (ride, ndr), era contendo della prestazione.


In prigione restano tre dei componenti della "Family", Leslie Van Houten, Patricia Krenwinkel e Charles "Tex" Watson. Non è mai stato accertato se Manson aspettasse in auto o se rimase nel ranch dove risiedeva l'organizzazione.

Sharon Tate, fu l'ultima a morire. L'83enne 'mostro di Beverly Hills', barba grigia e una svastica tatuata sulla fronte, nel 1969 fu il mandante sia dell'omicidio dell'attrice Sharon Tate, moglie di Roman Polaski, e di quattro suoi amici, sia dell'imprenditore Leno Labianca e di sua moglie.

Voleva fare il musicista Charles, e amava i Beatles. Il brano "Helter Skelter" divenne la "firma" delle sue stragi, scritta su specchi e pareti col sangue delle vittime.

Latest News