Vladimir Putin si è incontrato con Bashar al-Assad a Sochi

Facebook vola in Russia per far pace con Putin

Facebook vola in Russia per far pace con Putin di Antonino Caffo, 23 novembre 2017

Qualcosa di grosso si sta muovendo sullo scenario mediorientale.

Nel corso dell'incontro a sorpresa di lunedì 20 novembre il leader del Cremlino ha annunciato che la "lotta al terrorismo in Siria è prossima alla fine", ha auspicato che il processo politico in Siria sia "sotto l'egida dell'Onu" e si è augurato che le Nazioni Unite abbiano "parte attiva".

"Abbiamo ancora una lunga strada da percorrere prima di arrivare a una vittoria completa sui terroristi, ma per quanto riguarda il nostro lavoro comune nella lotta al terrorismo in Siria, l'operazione militare è prossima alla conclusione", ha sottolineato Putin parlando con Assad.

Vertice a sorpresa tra il presidente russo, Putin e quello siriano, Assad.

Bomba dalla Spagna: "Il Milan rischia l'esclusione dalle coppe Europee". Il motivo
Il motivo? Secondo il portale, non è andata a buon fine la richiesta per il voluntary agreement fatta dalla società lombarda e quindi il rischio è che si passi al settlement agreement con conseguenze pesanti.


al-Assad ha dichiarato che quel che conta oggi è la fine dello spargimento di sangue e che è disposto a lavorare con qualsiasi paese disposto a contribuire ad una soluzione politica, purché questa si basi sulla conservazione della sovranità nazionale siriana. Un intervento senza dubbio determinante.

Putin e Assad hanno comunque discusso i principali passi del processo di soluzione della crisi dal punto di vista politico in Siria e i preparativi per un congresso del popolo siriano. "La questione più importante - ha concluso - è quella di una soluzione politica pacifica del conflitto, dopo la sconfitta dei terroristi; la questione cioè di una soluzione a lungo termine della situazione in Siria".

A Sochi è intanto tutto pronto per il previsto il trilaterale di domani tra i presidenti di Russia, Turchia e Iran, la triade che prova a risolvere la crisi siriana attraverso i colloqui di Astana ed altri incontri a vari livelli svolti nelle ultime settimane. E Mosca ha già confermato che, seppure in numero ridotto, le truppe e gli aerei russi continueranno ad essere presenti nel Paese "alleato".

Latest News