Cronaca. Spaccio di droga nel Messinese: due arresti, denunciato un minorenne

Spaccio di droga nel salernitano: 17 arresti

Sigilli a beni di 'mammasantissima'

Il maxi-sequestro è avvenuto il 10 novembre scorso.

Europa League, Milan occhio a Friesenbichler: bomber dell'Austria Vienna
La gara sarà visibile agli abbonati Sky sui canali Sky Sport 1 (canale 201) e Sky Calcio 1 (canale 251). In attacco dobbiamo fare di più, ma anche chi sta alle spalle deve essere più bravo nei rifornimenti.


I carabinieri hanno arrestato un uomo di origini africane, domiciliato al campo al Foro Boario, per spaccio di sostanze stupefacenti. Dall'analisi dei contatti intrattenuti tra questi e altri personaggi gravitanti nel mondo dello spaccio di sostanze stupefacenti in città, si è giunti alla definizione di una fitta rete di spacciatori capeggiati da Ciro D'Agostino, vertice dell'organizzazione e reggente dell'omonimo clane fratello di Giuseppe e Antonio D'Agostino, attualmente detenuti in carcere perché condannati per associazione a delinquere di stampo camorristico, omicidio e altri reati. Il conducente è stato bloccato immediatamente ed è risultato essere un 26enne di Nichelino con precedenti di polizia. Quando hanno aperto gli sportelli del veicolo, i Carabinieri sono rimasti a bocca aperta: al suo interno c'erano circa 200 balle di marijuana, diversi borsoni e scatole ricolmi di hashish e taniche contenenti olio di hashish, per un peso complessivo di oltre 2,5 tonnellate, il cui spaccio al dettaglio avrebbe fruttato non meno di 20 milioni di euro. Da tempo i militari li stavano tenendo d'occhio. L'altro giorno i militari hanno notato un giovane italiano recarsi al campo e sono stati seguiti i suoi movimenti. Sulla battigia di Lido di Classe, nei pressi di uno stabilimento balneare, sono infatti state ritrovate tracce dei pneumatici del furgone e delle impronte che, secondo gli investigatori, non lasciano dubbi.

Latest News