Prata: per un centesimo rischia che le taglino la corrente

Bolletta da un centesimo

Prata: per un centesimo rischia che le taglino la corrente

Scioccante vicenda a Prata, in provincia di Pordenone, dove un'anziana signora - fra le altre cose appena diventata vedova - si è vista recapitare una lettera abbastanza minacciosa dal suo fornitore di energia, la Audax Energia di Vinovo, dove le si ingiungeva di pagare il dovuto: vale a dire un centesimo di euro.

L'unico modo di pagamento era il bonifico, espressamente detto in una unica soluzione e di inviare velocemente la copia del pagamento.

"La reazione naturale per delle persone anziane che, per un innato senso del dovere, derivante dalla loro sana cultura popolare, saldano le bollette quasi prima che arrivino - ha commentato Franco, fratello dell'intestatario dell'utenza -: ma quando poi ha visto che si trattava di un centesimo è rimasta senza parole".

Simeone: "La Roma vuole chiudere i giochi". Koke: "Conta la vittoria"
Cosa vi state dicendo dentro lo spogliatoio? "Nelle prime quattro non abbiamo fatto bene". Non mi sorprende questo, è bello per il calcio avere squadre che giocano come la Roma .


Ti è piaciuto questo articolo? A riferire l'episodio è il quotidiano Il Gazzettino. "A seguito di un controllo contabile interno - si legge nella raccomandata dell'azienda torinese - abbiamo riscontrato che non risultano ancora saldate le fatture, di seguito meglio elencate, per l'utilizzo del servizio di fornitura di energia elettrica". "In caso di mancato pagamento verrà effettuata la sospensione della fornitura". Le diciture di questi solleciti sono standard e valgono qualunque sia la cifra. Per ora possiamo solo confermare l'originalità della missiva: la raccomandata è stata inviata da noi, ma dobbiamo capire perché sia stata recapitata con quelle modalità e per quella cifra. "Quando avremo completato le verifiche saremo più precisi" fa sapere il fornitore energetico che si è subito scusato con la donna. Il Codacons questa mattina presenterà un esposto alla Procura mentre la società ieri ha fatto sapere che sta verificando come possa essersi generata quel tipo di richiesta inusuale.

Increduli i parenti della donna che hanno sollevato il caso. Avrebbero potuto inserire il centesimo nella prossima bolletta invece di inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno per questo spiacevole sollecito. "Si tratta di un comportamento inaccettabile e le giustificazioni dell'azienda non appaiono condivisibili", spiega il presidente Carlo Rienzi.

La quota da versare, pena stacco della fornitura della corrente elettrica?

Latest News