Milan, Donnarumma: "Orgoglioso di questa maglia. Il Milan ha un grande futuro"

Marco Storari

Storari: «Cena, ottimo modo per fare gruppo. Il ruolo da secondo? Gigio mi segue, penso di essere un buon riferimento»

Gianluigi Donnarumma sembra essersi messo alle spalle il mal di pancia estivo ed in questo avvio di stagione è tornato a vestire la maglia del Milan onorandola in ogni uscita.

Giocare e rappresentare il Milan è sempre un onore e lo è ancora di più se sei prima tifoso che calciatore: "Ho sempre sognato di giocare nel Milan fin da bambino quindi sono onorato di farne parte e di dare tutto me stesso per questo club. Sono orgoglioso di indossare questa maglia". Quello che è certo è che lo spogliatoio è ok per Donnarumma che può contare anche sulla presenza del fratello Antonio: "E' bellissimo perché ridiamo e scherziamo insieme". Siamo una squadra giovane e di grande talento. "C'è sempre da lavorare molto per farli integrare al meglio". Per me giocare in Europa con i rossoneri è un'emozione indescrivibile. Non gli ho insegnato trucchi e qua ho imparato io, perché con Magni si lavora in maniera rivoluzionaria.

Ue: rischi da deficit e debito, ma giudizio per il prossimo governo
La Commissione europea non è mai qui per porre dei problemi o per additare dei colpevoli, ma per trovare soluzioni nel dialogo. In sostanza, tra il peggioramento del 2017 e il piccolo miglioramento del 2018, mancherebbe ancora uno 0,3.


Il classe 1999 passa poi ad analizzare la sua infanzia ed il suo primo approccio al pallone.

Sul giocatore del Milan preferito: "Direi Kakà, ma anche Shevchenko è stato davvero un grande". Questo infatti è sempre stato un problema in casa con mia madre, che è napoletana. In merito alla sua prima esperienza europea con il Milan, il numero novantanove non ha dubbi: "L'Europa è il posto che il Milan merita, il posto dove il Milan deve sempre stare. E' un processo di crescita che si sta prolungando, preferirei una brutta prestazione e i tre punti, ma stiamo arrivando ad una maturità tale che possa farci andar bene". Sono partito con Mihajlović come terzo portiere. Sono contento di essere qui e di potermi allenare con lui che ha un grande futuro. "La prima partita? È stata fantastica, ricordo un incredibile entusiasmo". "Ero sorpreso sì ma niente paura perché avevo tanta voglia di dimostrare".

Latest News