Matteo Renzi sente l'odore del nemico: "voglio sfidare Silvio Berlusconi"

Renzi e Macron? Autunno a Parigi

Matteo Renzi sente l'odore del nemico: "voglio sfidare Silvio Berlusconi"

Angela ha da fare: Matteo Renzi, perciò s'accontenta e comincia a deviare dal solito discorso attorno all'Europa, cercando un compagno di "narrazione" in un potente che ha le redini un po', ma non troppo, più salde della ormai prossima ex Kanzlerin. Vorrei che i cittadini vedessero candidarsi me contro Berlusconi.

E ciò in forza della nuova legge elettorale che premierà la rappresentanza parlamentare del Partito Democratico nella sommatoria dei seggi derivanti tanto dai collegi uninominali quanto dalla ripartizione proporzionale. Matteo Renzi veste ancora una volta i panni a lui inusuali del 'ricucitore' ma non si fa illusioni: "I segnali non sono buoni". Ho dato l'incarico a Piero Fassino, che è più bravo di me a rimettere insieme i cocci, e gli ho detto 'provaci'. È su queste solide basi... programmatiche che, recitano sempre le veline, "il rapporto fra Macron e Renzi si è confermato forte e consolidato". Quindi peggio per chi sarà licenziato.

Palermo: incendio in una casa di via Volturno, esplosa bombola del gas
Anche gli altri residenti sono stati fatti allontanare dalle loro abitazioni per evitare qualunque pericolo. Richiesto l'intervento dei tecnici dell'Amg per chiudere l'erogazione del gas a scopo precauzionale.


Alla domanda inerente alla reintroduzione dell'articolo 18, Renzi risponde con fermezza in maniera negativa. Di Maio aveva chiesto l'incontro televisivo con me. "Fossi da solo non lo farei ma per accordo sono pronto a farmi carico di alcune delle richieste degli altri", dice. Poi inizia la parte della scelta delle idee, del programma - ha aggiunto Renzi - e dei candidati. "Dovunque Di Maio deciderà di candidarsi, metteremo contro il capo dei Cinquestelle un giovane o una giovane ricercatrice e scienziato, perché contro il capo di un partito che elogia i no vax e le scie chimiche va messo un giovane del sud che spiega che noi siamo per la scienza e non per le bufale".

Renzi era ancora presidente del consiglio e al suo fianco c'era il sindaco pd Samuele Bertinelli. Al momento è nei fatti l'accordo con i Radicali e con Campo Progressista, la formazione di Pisapia. "Così quando da Ap chiedono di rimettere il bonus bebè giustamente, io son più d'accordo nel rimettere il bonus bebè che non nel tenerlo fuori", aggiunge.

Latest News