Cgil del Piceno, si organizzano pullman per Roma: "Cambiare la Fornero"

Cgil Abruzzo in piazza a Roma per le pensioni e non solo

Sabato otto pullman della Cgil per la manifestazione a Roma

"Per cambiare il sistema previdenziale, per sostenere sviluppo e occupazione, per garantire futuro ai giovani".

Sono cinque le manifestazioni organizzate dalla Confederazione con lo slogan "Pensioni, i conti non tornano!" a Torino, Bari, Cagliari, Palermo e Roma.

Apre Citylife: attesi 7 milioni di visitatori. Lavoro per mille persone
Per il settore salute e benessere , prima apertura mondiale del salone Nashi Argan , dedicato alla cura dei capelli e della pelle. Nella food court, doppia offerta di Cremonini: il ristorante messicano Calavera e uno classico di carne Roadhouse Meatery .


Per le informazioni riguardanti gli orari e i luoghi di partenza sabato mattina ci si può rivolgere alle sedi provinciali della Cgil, il concentramento é in Piazza della Repubblica alle 9.00, mentre il comizio della Camusso é previsto per le 12.30 in Piazza del Popolo. "Abbiamo chiesto inoltre di bloccare l'ulteriore aggiunta di 5 mesi all'età di pensionamento a partire dal 2019 (si andrà in pensione a 67 anni 5 mesi), anche perché se l'età della pensione dipende soltanto dall'aspettativa di vita gli effetti saranno deleteri", sottolinea Sandro Del Fattore, segretario generale Cgil Abruzzo; "da una parte, ci sarà una ricorsa infinita verso un'età sempre più avanzata, dall'altra ci sarà una progressiva diminuzione delle pensioni, dal momento che, ad ogni aumento dell'attesa di vita media, verranno ridotti i coefficienti di trasformazione dei contributi versati durante la carriera lavorativa in rendita pensionistica". In quest'ultima città, sfilerà anche la Cgil di Vibo Valentia per rivendicare con forza il blocco dell'innalzamento illimitato dei requisiti per andare in pensione, garantire un lavoro dignitoso e un futuro previdenziale ai giovani, superare la disparità di genere e riconoscere il lavoro di cura, garantire una maggiore libertà di scelta ai lavoratori su quando andare in pensione, favorire l'accesso alla previdenza integrativa e garantire un'effettiva rivalutazione delle pensioni. La Cgil considera insufficiente la proposta del Governo Gentiloni sulla previdenza: "Siamo di fronte a un'occasione persa, soprattutto per quanto riguarda i giovani e le donne, il governo si muove per deroghe e piccoli interventi e non per rendere più equo il sistema nel suo complesso".

La Cgil invita lavoratori, pensionati e giovani a partecipare per ottenere delle risposte concrete e per ridare speranza e fiducia al nostro Paese.

Latest News