Il Perugia inguaia l'Ascoli: segna l'ex Benevento Falco

Serie B: Perugia vittoria all'ultimo respiro.

Il Perugia inguaia l'Ascoli: segna l'ex Benevento Falco

PERUGIA (4-3-1-2): Rosati; Del Prete, Dossena, Monaco, Pajac; Brighi, Colombatto, Bandinelli; Buonaiuto; Han, Di Carmine.

Il posticipo del lunedì della 17a giornata di Serie B vedrà di fronte Perugia ed Ascoli, in una sfida importante per entrambe per tirarsi fuori dalla bassa classifica. Nei primi 10' non accade molto e la prima azione degna di nota è, di fatto, una non-azione: l'arbitro infatti ferma il gioco per un minuto scarso intorno all'11', a causa del lancio di tre fumogeni provenienti dalla curva perugina verso l'area occupata da Rosati. Tre punti fondamentali e che permettono al Perugia di dare un calcio alla crisi e di portarsi a -4 dai play off alla vigilia della trasferta di Salerno; per l'Ascoli, invece, un duro colpo per il morale e un ultimo posto che desta preoccupazioni. I biancorossi crescono e provano il colpaccio, senza però rendersi pericolosi. Intorno alla mezz'ora il Perugia si sveglia: Bonaiuto semina il panico con un coast to coast, ma a pochi passi da Lanni non riesce a concludere, probabilmente per la stanchezza e la poca lucidità dovute allo scatto; poi è il nordcoreano Han a provarci da fuori. Al 44', dopo una grande giocata di Mogos, è stato Varela a sfiorare il vantaggio con un preciso tiro di sinistro che è terminato a lato di pochissimo per la disperazione di mister Fiorin e dei trenta irriducibili assiepati nel settore ospite. Sul calcio d'angolo seguente, Santini ci prova di tacco alla Roberto Mancini, ma l'esito non è altrettanto felice. E a ulteriore riprova c'è l'occasione sprecata da Di Carmine all'89', su un tiro da fuori di Del Prete che si trasforma in assist e che l'attaccante non riesce a convertire in rete grazie a un mezzo miracolo di Lanni, che para di puro istinto.

Insigne out contro il Feyenoord chi lo sostituirà?
Di sicuro la partita e' importante per poter passare il turno ma ci sono giocatori che stanno dando tanto e che devono riposare. Il problema non è da sottovalutare, le condizioni non sono preoccupanti ma in casi del genere la prudenza non è mai troppa.


Ultima in classifica da un lato, chi galleggia appena 5 punti sopra di lei dall'altro.

Latest News