Usa: Facebook, lancia una versione di Messenger per bambini

Usa: Facebook, lancia una versione di Messenger per bambini

Usa: Facebook, lancia una versione di Messenger per bambini

La novità infatti sta nel fatto non sarà necessario creare un account personale ma i giovanissimi potranno accedere attraverso quello dei genitori.

L'espansione di Facebook ormai è sotto gli occhi di tutti.

E' in questi giorni che Facebook ha deciso di lanciare Messenger Kids, una versione della sua app di messaggistica istantanea destinata ad un pubblico di minori under 13, quindi bambini. Messenger Kids verra' installato in prova sui cellulari dotati di Apple iOS negli Usa, come app di messaggini e di video chat. Messenger Kids però, vista l'autorizzazione necessaria da parte dei genitori, potrà essere utilizzato.

Meteo: continua il freddo, tendenza al maltempo nel weekend dell'Immacolata
Sabato 9 dicembre le piogge, sotto la spinta dei venti più freddi di Maestrale e Tramontana , si porteranno verso il Meridione . Secondo gli esperti sabato 8 dicembre le piogge interesseranno soprattutto Liguria di Levante , Nord Est e Centro Italia .


Nelle intenzioni del colosso americano, tali misure impediranno la diffusione di dati sensibili di minori (il social network in sé rimane precluso ai "troppo" giovani) e non esporranno i bambini alla possibilità di ricevere commenti sgraditi o offensivi (come invece potrebbe accadere su una bacheca "pubblica", terreno fertile per i cyberbulli). In secondo luogo i bambini-utenti potranno bloccare alcuni contatti ma i messaggi delle chat non potranno essere eliminati o nascosti: un ulteriore modo per i genitori per concedere piena fiducia all'applicazione. La novità per ora parte negli Stati Uniti, in anteprima per alcuni gruppi di utenti e solo per iPhone e iPad. L'idea, ovviamente, è quella di allargare l'accesso anche alla platea dei possessori di dispositivi Android e persino Amazon.

Messenger per i più piccoli nasce con l'intento di essere uno strumento di comunicazione familiare tra figli e genitori, nonni e nipoti. La guardia però non deve mai essere abbassata quando si parla di ragazzi under 13. Il caso di YouTube Kids, bloccato per l'apparizione di contenuti violenti e/o osceni, è lì da vedere, ma confidiamo nelle policy e nel lavoro di Facebook su questo argomento.

Latest News